Crea sito

Giovanni Paolo II e i Fatebenefratelli: chiamati a ripensare.

FBF Brescia - Pilastroni Pampuri 2-001

Brescia “Sacro Cuore di Gesù”, 8 Marzo 2007

Festa di San Giovanni di Dio – L’ultima in terra per Fra Raimondo.


Il mondo interiore dell’uomo è sempre un mistero, che non si riesce mai a penetrare del tutto.

COLPISCNO LE PAROLE DI BENEDETTO XVI:

“Quanti intendono seguire Gesù e impegnarsi senza compromessi per la verità devono sapere che incontreranno opposizioni e diventeranno, loro malgrado, segno di divisione tra le persone, addirittura all’interno delle loro stesse famiglie.” (Angelus 19 Agosto 2007)

Era presente anche lui

Fra Raimondo Fabello o.h. con Giovanni Paolo II

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI PARTECIPANTI AL CAPITOLO GENERALE
DELL’ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI DIO

Venerdì, 25 novembre 1988

Carissimi fratelli.

1. Il mio animo si apre al più cordiale saluto nell’accogliere voi, rappresentanti dell’Ordine Ospedaliero di san Giovanni di Dio, in questa breve pausa dei lavori del vostro Capitolo generale, che si svolge in un momento importante per la storia della sanità nel mondo in cui viviamo.

Ringrazio il vostro nuovo priore generale fratel Brian O’ Donnell, per le parole tanto significative, con le quali ha introdotto questo incontro, augurandogli ogni successo nell’espletamento del delicato incarico, a cui è stato chiamato. 

Vi auguro che possiate ricavare abbondanti frutti spirituali dai vostri incontri per il bene dell’intera vostra Congregazione, sorta per dare gloria a Dio nel servizio dei fratelli ammalati. Si sa, ogni Capitolo generale è sempre un avvenimento di grande importanza, perché non solo permette di dare uno sguardo sull’andamento complessivo della vita religiosa secondo il proprio carisma di fondazione, ma serve a destare nuovo fervore spirituale e una dedizione più generosa al proprio ideale. Per voi appartenenti al benemerito Ordine, detto popolarmente e significativamente “Fatebenefratelli”, si tratta soprattutto di interiorizzare il senso dell’ospitalità cristiana, che ognuno di voi professa con voto particolare nella Chiesa. È quanto prescrivono le vostre costituzioni là dove raccomandano uno specifico impegno “a difendere e vegliare sui diritti della persona a nascere, a vivere decorosamente, a essere assistita nelle infermità e a morire con dignità”, perché “appaia con chiarezza in ogni momento che il centro di interesse è la persona bisognosa o ammalata” (“Constit.”, 23).

2. Grandi compiti perciò vi aspettano, cari fratelli, e la Chiesa vi domanda di assolverli nello spirito delle parole del Signore: “Ogni volta che voi avete fatto questo ad uno dei più piccoli di questi miei fratelli, l’avete fatto a me” (Mt 25, 31-40). È in queste parole che deve trovare fondamento la vostra concezione del “servizio”.

Il Concilio, particolarmente nella prima parte della Gaudium et Spes, ha ampiamente sottolineato l’importanza e la dignità del servizio verso gli ammalati. Una teologia del servizio è proponibile nella misura in cui la Chiesa si presenta come una società di discepoli del Cristo che si qualificano e si distinguono per l’aiuto e l’amore vicendevoli.

Nella complessa società contemporanea, dovete compiere la ricerca di un modello di “teologia del servizio” quasi distaccandovi, se necessario, dalle vecchie abitudini, come per un coraggioso salto che vi porti all’invenzione di qualcosa di nuovo. Siete chiamati a ripensare in maniera sempre più rispondente ai tempi la relazione fondamentale tra la fede cristiana e le forme del servizio caritatevole.

Il vostro modo di testimoniare la fede sarà tanto più efficace quanto più si fonderà sulla capacità di uscire da sé per aprirsi alla sofferenza, alla povertà e al bisogno degli altri.

Soltanto in questa apertura avrà ragion d’essere il vostro servizio mirante più al concreto aiuto altrui che non ad un formale progetto di intervento. Penso che non si possa più scindere la riflessione teologica dalla organizzazione pratica del servizio.

Così i malati, i sofferenti e i bisognosi che sono talora per alcuni motivo di disturbo, e quasi di ostacolo, diventano per chi ha fede le persone più care, perché segni viventi della presenza di Dio. Fare posto all’altro, esercitare il carisma dell’ospitalità significherà, in certo qual senso, far posto al Cristo e farlo vivere con voi e in voi.

3. La vostra comunità di fratelli a servizio dei malati si realizza pienamente nella diaconia evangelica che deve sempre animare la vostra vita. Su questa si fonda anche la testimonianza verso i vostri collaboratori laici che dall’ospitalità esercitata come professione possono arrivare al servizio concepito come espressione di amore e di solidarietà cristiana.

Le vostre comunità possono e devono aspirare a costruire quello “spazio sociale” di cui hanno bisogno i nuovi ammalati ai quali non bastano più le grandi tecnologie e non servono più le grosse istituzioni. Penso, per esempio, ai malati di Aids ed ai pazienti oncologici, ovvero ai servizi psichiatrici.

Le vostre comunità devono diventare il punto di riferimento per la salvaguardia dei diritti della persona umana e del rispetto delle libertà individuali. La vostra attività al servizio dei più bisognosi vi ispiri soprattutto una pratica di fede essenziale e rivolta all’unica cosa necessaria, di cui parla Gesù e che è il Regno di Dio, in attesa che il resto vi venga dato in sovrappiù (Mt 6, 33).

Gli uomini che soffrono e verso i quali esercitate la vostra “compassione” hanno molto da insegnarvi per trasformare la vostra esistenza di religiosi: il malato sia la vostra università!

Testimonierete effettivamente la vostra identità di frati ospedalieri di san Giovanni di Dio se saprete basare qualsiasi programmazione sui bisogni realmente esistenti; se accetterete di preferire chi soffre; se vi guarderete dal confidare unicamente nelle proprie opinioni individuali che non sono in perfetta armonia col carisma originario, che ha suscitato tra le vostre file nobili figure di veri servitori dei malati, e i cui nomi restano davvero in benedizione.

Non posso dimenticare che in questo ideale di servizio, imitando la generosità del vostro fondatore, voi state cercando di portare il vostro modello di ospitalità cristiana anche nei Paesi in via di sviluppo.

Non trascurate le loro culture, impegnatevi nell’ascolto dei loro bisogni reali, portate a tutti, al di là delle differenze etniche, la medesima testimonianza di Cristo morto e risorto.

La Chiesa così potrà nascere, crescere e coesistere anche là dove sono altre religioni ed altri modelli di vita.

Con questa consegna di amore e di solidarietà verso i fratelli più deboli, formulo i migliori voti per una fruttuosa continuazione dei lavori del vostro Capitolo generale, affinché dalle vostre sagge deliberazioni l’intero Ordine attinga il necessario impulso per proseguire nella sua via tanto luminosa e tanto benemerita.

Benedico di cuore voi e tutta la famiglia religiosa.

© Copyright 1988 – Libreria Editrice Vaticana


 Giovanni Paolo II con il suo infermoere ra Cesare Gnocchi

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II
AI RELIGIOSI DELL’ORDINE OSPEDALIERO
DI SAN GIOVANNI DI DIO «FATEBENEFRATELLI»

Sabato, 2 dicembre 1995

1. Carissimi Fratelli e Collaboratori dell’Ordine Ospedaliero di san Giovanni di Dio! Sono lieto di accogliervi, mentre siete riuniti in Congresso, a Roma, in occasione del V Centenario della nascita del vostro Fondatore. Saluto cordialmente ciascuno dei presenti, in particolare il Priore Generale, come pure i Responsabili delle Famiglie religiose nate dal carisma di san Giovanni di Dio, che davvero ha segnato la storia dell’Ospitalità.

È proprio questo il tema sul quale state riflettendo, favoriti certamente dall’esperienza comunitaria e dal valido contributo di religiosi, collaboratori, volontari e benefattori dell’Ordine, convenuti dai cinque Continenti.

Mi congratulo con voi per questa iniziativa, con la quale intendete rinnovare e qualificare l’impegno e la spiritualità dell’accoglienza, in un mondo che va sempre più stimolato alla fraternità e alla solidarietà specialmente verso le categorie umane più deboli.

2. Nel realizzare tale intento, voi non potete non ispirarvi all’esempio del vostro Fondatore. Egli è per voi un maestro ed un testimone di straordinaria importanza.

San Giovanni di Dio fu per i poveri e gli infermi abbandonati di Granada il “buon samaritano” che si prodigò con instancabile zelo per provvedere loro ciò di cui avevano bisogno. Se la forza dell’amore lo portava a togliere dalla strada molti indigenti per offrire loro un ambiente più sicuro e confortevole, il suo spiccato senso di ospitalità lo spingeva a perfezionare l’organizzazione della abbozzata struttura ospedaliera, l’assistenza infermieristica e altre opere caritative, da lui progettate. Giovanni non solo praticò l’ospitalità, ma si fece, per così dire, egli stesso ospitalità, assistendo giorno e notte quanti la Provvidenza gli faceva incontrare.

3. Quale fu il segreto della sua esistenza così fedele al Vangelo? La risposta la si trova proprio nella qualifica apposta al suo nome: “di Dio”. Precisamente quel Dio che in Gesù Cristo si è rivelato Padre di ogni uomo fu la ragione del vivere e dell’operare del vostro Fondatore.

Consapevole del fatto che il Padre celeste va amato sopra ogni cosa e servito nel prossimo, egli si impegnò a concretizzare tale programma spirituale imitando Gesù nella scelta preferenziale degli ultimi. L’uomo infermo e bisognoso divenne per lui la via per dire con Cristo il suo “amen” al Padre. Così, come Gesù era passato tra la gente beneficando e risanando tutti (cf. At 10, 38), Giovanni seppe portare agli indigenti la parola consolante di Dio, prestando loro le cure necessarie per amore e con amore divino.

4. Ecco dunque l’inestimabile eredità che il Santo Fondatore ha voluto lasciarvi! Si tratta, oggi, di riproporla in modo comprensibile all’uomo contemporaneo, immerso in una cultura individualista ed edonista, evitando di diminuire la forza e la profondità con le quali vi è stata tramandata.

In tale prospettiva si colloca la tempestiva apertura del vostro Ordine ai nuovi bisogni sociali, quali l’assistenza ai tossicodipendenti, agli ammalati di AIDS ed ai senza tetto; molto apprezzata è pure la vostra presenza in numerosi Paesi in via di sviluppo, dove i programmi di medicina preventiva e i qualificati servizi ospedalieri, da voi realizzati a favore di quelle popolazioni, costituiscono un’eloquente manifestazione di carità e un segno vivo di speranza.

Importante e significativo è inoltre l’impegno di offrire un servizio di assistenza professionale e nel contempo carico di umanità, competente e aggiornato alle nuove tecniche mediche ma sempre saldamente ancorato ai principi e ai valori del Vangelo e dell’etica cristiana. Senza questa elaborazione, a volte faticosa e complessa, si rischia di perdere la dimensione trascendente dell’ospitalità, riducendola a mera benevolenza per l’uomo.

5. Così intesa e realizzata, carissimi Fratelli e Sorelle, l’accoglienza dei bisognosi sarà pure per voi il linguaggio col quale render comprensibile a tutti la grandezza, la forza e l’efficacia dell’amore cristiano. Con tale linguaggio concreto e immediato potrete riaccendere attese, desideri e speranze in cuori talora delusi e affranti; potrete fare eco alla voce di Dio che, nell’intimo della coscienza, invita ogni uomo alla conversione.

Dare amore attraverso lo stile quotidiano del servizio ai malati vi permetterà di seminare il seme della Buona Novella là dove la sola parola umana risulterebbe, probabilmente, fragile e perfino inefficace.

Vi esorto pertanto a proseguire con rinnovato coraggio ed impegno su questa strada, antica e sempre nuova. In forza del carisma originario potrete contribuire alla nuova evangelizzazione, compito che è dell’intera Chiesa ed al quale siamo tutti sollecitati per rispondere in modo serio ed efficace alle sfide della presente transizione dal secondo al terzo millennio cristiano.

Vi aiuti Maria Santissima, che contempliamo durante l’Avvento come Vergine in ascolto della Parola di Dio e modello sublime di accoglienza offerta al Verbo divino; vi sostengano sempre san Giovanni di Dio ed i Santi del vostro Ordine; e vi accompagni la Benedizione Apostolica, che imparto di cuore a voi, alle vostre Comunità ed a quanti vi sono affidati nel quotidiano servizio.

© Copyright 1995 – Libreria Editrice Vaticana