Crea sito

Malati di spreco

              domenica, 12 ottobre 2008

MALATI DI SPRECO

P. Cornaglia Ferraris, E. Picano Laterza Editore, 2004

malati-di-spreco-il-paradosso-della-sanita-italiana-180359La moderna medicina spreca immense risorse.

[…] È lo spreco che rende impossibile cure gratuite per tutti. Perché siamo tutti malati di spreco: allo spreco siamo stati allevati come medici e come pazienti. (da pagina 7 della prefazione)

 

– Esami inutili, più esami fai, meglio si crede di curare e di essere curato,

– Terapie inappropriate,

– consumi gonfiati,

– interventi chirurgici evitabili ma necessari per far quadrare i bilanci,

troppe intelligenze sacrificate.

Questo è il paradosso della sanità di oggi, che consuma risorse con disinvolta arroganza, a beneficio solo del complesso’’ sanitario-industriale’’,finendo per generare costi insostenibili,iniquità e malessere sociale.E’ lo spreco che rende impossibile cure gratuite per tutti.Perchè siamo malati-tutti quanti,medici e pazienti-di spreco.Ad esso siamo stati allevati,con esso ci nutriamo quotidianamente’’.

I due autori hanno però un enorme difetto: per carattere, dicono le cose come stanno e, per sovrappiù, lo dicono in maniera eccezionalmente chiara. Per questo, il loro, è involontariamente un libro “politico”. Del resto, il volumetto si chiude con una frase di Rudolf Virchow, il famoso patologo ottocentesco, che sosteneva che “la medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che la medicina su larga scala”.

Si calcola che lo spreco nella sanità italiana arrivi al 30-40% della spesa totale.

Lo spreco comincia già dalla selezione del personale. Una cattiva organizzazione, caratterizzata da nepotismo e difesa di privilegi quasi feudali, porta molti eccellenti professionisti, che si sono formati in Italia, a cercare lavoro all’estero. Si tratta della famigerata “fuga di cervelli”, una piaga italiana che sottrae alla cura dei pazienti e alla ricchezza della nazione una delle risorse più importanti: l’intelligenza e la competenza professionali. Sarebbe come se una squadra di calcio partecipasse al campionato, mandando in campo i brocchi e tenendo i campioni in panchina. Senza ricercatori ben selezionati e retribuiti, è inevitabile che la ricerca italiana in campo medico langua, salvata soltanto da qualche eroe di incomparabile tenacia e creatività.

I medici, poi, prescrivono troppi farmaci, per terapie spesso irrazionali, inutili, costose, quando non dannose. Nessun farmaco è innocuo, mentre le reazioni avverse sono sempre possibili e pericolose. Pochi farmaci vengono prescritti sulla base di chiare evidenze scientifiche di efficacia. Molte terapie, pubblicizzate dai giornali come la panacea per tutti i mali, si rivelano di difficile applicazione; è il caso, per esempio, della terapia genica, che rimane ancor oggi un miraggio.

L’industria farmaceutica è costantemente alla ricerca di nuovi prodotti da lanciare sul mercato, con lo scopo di realizzare profitti sempre più elevati. Servendosi degli informatori medico-scientifici, per altri versi preziosa fonte di aggiornamento per il medico, la grande industria fa pressione sui clinici affinché prescrivano le nuove molecole, talvolta più inefficaci di quelle che già esistono sul mercato. Si instaura di frequente una spirale di autentica corruzione, mentre la prescrizione di farmaci generici, efficaci e poco costosi, viene ostacolata perché poco redditizia.

Anche sul fronte delle indagini diagnostiche le cose non vanno meglio. Il paziente, esigente, ma non di rado addirittura arrogante e aggressivo, considera miglior medico quello che prescrive batterie di esami, spesso del tutto inutili, ma costosi. La richiesta di esami non andrebbe, invece, sparata a caso: ogni ricorso al laboratorio o alla radiologia dovrebbe essere supportato da una precedente ipotesi diagnostica ben formulata.

Ecco allora che il paziente non solo si sottopone a costosi esami del sangue, ma ricorre alle lastre e alla medicina nucleare con sempre maggior frequenza. Su questo punto gli autori insistono particolarmente: i raggi X, l’uso di radioisotopi e la Tac sono esami che comportano dei rischi per la salute del paziente, rischi che medico e cliente tendono a sottostimare pericolosamente. Una Tac torace, per esempio, comporta un rischio corrispondente “al rischio di morire di cancro o di cuore dopo aver fumato circa 700 sigarette”.

Senza contare che questa frenetica attività diagnostica (e terapeutica) comporta lo smaltimento di rifiuti che inquinano pesantemente l’ambiente. Quando si stila un bilancio delle attività che promuovono la salute, bisognerebbe con lungimiranza mettere in conto che esiste un vero e proprio inquinamento sanitario, il cui prezzo rischiamo di far pagare irresponsabilmente anche alle prossime generazioni.

Intanto, la possibilità di ricorrere a indagini diagnostiche sempre più potenti e sofisticate ha prodotto un allontanamento del medico dal paziente, una mortificazione della clinica, un impoverimento del rapporto umano, che quasi mai si traduce in un beneficio per la salute del malato.

Infine, la crescente medicalizzazione delle nostre vite e il prevalere dell’interesse privato su quello pubblico producono una miriade di ricoveri inappropriati che, malgrado i progressi dell’economia e dell’organizzazione sanitaria, continuano a riempire le corsie di persone che potrebbero essere curate meglio e con minor costo al proprio domicilio.

L’appello a un maggior senso di responsabilità, che conclude il libro, temo rimarrà tristemente inascoltato.

 


 

IL DITO NELLA PIAGA

Ancora una volta Cornaglia Ferraris, con Eugenio Picano, mette il dito nella piaga della sanità italiana, esaminando quanto pesi lo spreco delle risorse sui costi che diventano sempre più consistenti, e in certi ambiti quasi insostenibili, del sistema sanitario.

Invece di attribuire, però, i motivi di questa che definisce “la cultura dello spreco” ad uno dei fattori in gioco: i medici, l’industria, la burocrazia o i pazienti, gli autori evidenziano che per cambiare questa mentalità “più esami fai come paziente, meglio credi di essere curato e, come medico, più esami prescrivi, più bravo credi di essere” occorre cambiare insieme, perché di questa piaga siamo entrambi – medici e pazienti – sia colpevoli che vittime.

Possiamo uscirne solo attraverso una nuova consapevolezza sull’uso equo e razionale delle risorse, sempre più limitate, a disposizione, per mantenere cure ancora prevalentemente gratuite per tutti. “In sanità curare e farsi curare non è infatti compiacersi di informazioni superflue, ma capire cosa c’è dietro ciascuna di esse e chiedersi quali ne siano rischi, costi e impatto ambientale”.

La critica ai vizi della nostra società che attribuisce le sorti del proprio benessere in modo esasperato all’apparato sanitario parte dalla constatazione di decine di esempi in diversi ambiti – dai miraggi di terapie in grado di vincere le principali patologie sociali (ben prima che ricerche accurate ne possano misurare l’effettiva ricaduta sulle cure sugli uomini) – allo spreco di farmaci ed esami, sempre più incentivati da quelle industrie che (impersonando quindi le vesti insieme di benefattori del servizio sanitario e di promotori di consumismo nel campo della sanità), sono poi anche gli sponsors sia dei corsi per l’aggiornamento professionale dei medici e dei tecnici della sanità, sia di molti eventi sempre più pubblicitari/propagandistici quali molti convegni.

Ma non solo la malattia, ma anche la salute è medicalizzata e così l’esasperazione dello “star bene” passa attraverso aspetti dietetici, sportivi, psicologi e comportamentali sempre meno guidati dai medici – e sempre più autogestiti dai cittadini, più suggestionati da prodotti pubblicizzati dai media che educati ad una tutela saggia e razionale della propria salute.

Se la spesa farmaceutica ha inciso proporzionalmente ogni anno di più (nel 2002 risulta il 15% in media) sulla spesa sanitaria complessiva, sembrano attestati sul 20% i casi in cui i farmaci vengono utilizzati sulla base di evidenze scientifiche di efficacia, mentre risulta una spesa inutile per lo Stato di 650 milioni di Euro all’anno per farmaci gettati nella spazzatura perché non utilizzati e scaduti.

Non molti diversi, poi, sono gli sprechi nell’abuso di esami diagnostici spesso proposti dai medici a puro scopo “difensivo” e senza calcolarne a pieno gli effetti iatrogeni.

Viene evidenziato quanto sia necessario sensibilizzare i cittadini anche sull’inquinamento ambientale indotto da queste cattive abitudini, perché se la responsabilità è condivisa, medici e pazienti saranno in grado di selezionare esami diagnostici essenziali, valutandone costi e benefici, sia individuali che collettivi.

Poichè più spreco produce maggiore iniquità sociale, occorre applicare in ogni sistema sanitario – sia locale che Nazionale- i principi che l’Associazione Italiana di Epidemiologia già ha evidenziato: – Misurare e monitorare lo stato della salute della popolazione, – Passare dai dati di mortalità ai fattori di rischio – Insegnare a programmare, valutare consumi, offerta, priorità, interventi ed eseguire studi di costo delle patologie. Il tutto però per passare dalla teoria alla pratica ha bisogno che si attivi un forte consenso e partecipazione alla lotta agli sprechi condivisa tra i diversi soggetti del sistema: medici e operatori sanitari, amministratori, industrie e Associazioni dei cittadini – utenti. Un libro come questo non può essere liquidato come il solito pamplet contro la sanità ma dovrebbe essere discusso come pro-vocazione ad un miglioramento tanto urgente quanto necessario per recuperare, riducendo gli sprechi, nuove risorse utili a dare ossigeno al sistema sanitario pubblico.

Autore Recensione:  Mariella Orsi

100 CASI DI SPRECO NELLA SANITA’

Roma, 19 luglio 2006

2

Premessa

  • Esami inutili, ricoveri impropri, terapie inappropriate, interventi chirurgici evitabili, troppe intelligenze sacrificate. Questa è la ragione per cui la Sanità costa sempre di più e il costo diventa insostenibile.
  • Nella cultura dello spreco, più esami si fanno e meglio si crede d’essere curati.
  • Come medico, più si prescrive e più si è bravi. Lo spreco ha finito per generare costi insostenibili, in equità e malessere sociale.

La riflessione sulla sanità italiana pone giustamente l’accento sulla cultura dello spreco che domina la sanità moderna.

Per garantire qualità nella medicina non servono nuove leggi né drastici tagli. Bisogna modificare le cattive abitudini, sostenere scelte sicure, responsabili, risanare con saggezza un settore in cui le risorse non sempre sono utilizzate al meglio.

Anzi, come vedremo, danno luogo a fenomeni sempre più estesi di preco delle risorse e cattivo funzionamento. Si deve parlare di spreco anche in presenza di una cattiva gestione dei rischi in ospedale, che determina  richieste di danni da parte dei pazienti pari a 2,5 miliardi di euro.

Siamo un paese che apparentemente conta molto sulla sanità. Abbiamo infatti un medico ogni 165 abitanti per cui l’incidenza percentuale è dello 0,60 e quella per mille abitanti del 6,0%. Ad essi si aggiungono i 51.975 odontoiatri, uno ogni 1.124 residenti. Un record negativo – visto che i disoccupati nella professione sono ormai un esercito (circa 80mila) – che non ha eguali negli altri Paesi dove, in media, il rapporto medici/abitanti è circa la metà di quello italiano.

C’è poi il nodo della cosiddetta “devolution”. I risultati di un recente sondaggio effettuato tra gli operatori della sanità sono esemplari. Sono stati interpellati 4.000 medici di famiglia ed il 62% ha espresso parere negativo. La confusione è totale. Mentre da un lato si proclama la totale competenza regionale sulla sanità, dall’altro nella stessa legge si afferma l’esatto opposto e cioè che lo Stato è il titolare della salute dei suoi cittadini. Come stupirsi se è enormemente aumentato il ricorso alla Corte costituzionale da parte di Stato e Regioni?

Cornaglia-Ferraris e Eugenio Picano.

3

1Si veda ad esempio “Malati di spreco. Il paradosso della Sanità Italiana” di Paolo  Il Rapporto è stato curato dall’Ufficio Economico di Confesercenti Nazionale in collaborazione con il CESPES, Centro Studi politici, economico-giuridici e sociali.

Ormai questo contenzioso costituisce il 25% dell’intero impegno della Corte su conflitti di competenza rivendicati ora dall’uno, ora dall’altro. A ciò si aggiungono altre decisioni incredibili come quella di assegnare la competenza della ricerca farmacologica alle regioni avviando una ulteriore frammentazione della ricerca.

Insomma le parole d’ordine di questi ultimi anni (autonomia, federalismo, “devolution”) hanno dato luogo solo a confusione e sprechi. Quanto alla razionalizzazione, non è partita affatto. Nel 2001 governo e regioni si accordarono per tagliare i posti letto in esubero, ridimensionare i piccoli ospedali e poco utilizzati (con un tasso di utilizzo inferiore al 75%) e  soprattutto costruire e rammodernare centri dove accentrare le specialità.

L’operazione era finalizzata al risparmio ma anche alla centralizzazione di reparti di eccellenza. E per fare queste centralizzazioni vennero stanziati anche i fondi, circa 17 miliardi di euro, per le ristrutturazioni e gli  ventuali lavori. Oggi a cinque anni di distanza solo la metà delle regioni hanno investito quei finanziamenti. Molte non hanno nemmeno fatto la domanda per avere le risorse.

I numeri parlano chiaro: il fondo sanitario è cresciuto dai circa 48 miliardi di euro del 1995 ai circa  anche della spesa diretta che devono sostenere i cittadini, passata nel medesimo periodo da circa 10 miliardi ai circa 25 miliardi attuali. Un tasso di crescita annuale ben superiore a quello programmato, che non ha corrisposto al miglioramento delle prestazioni.

Non basta: se la finanziaria 2006 stanzia 91 miliardi, il

Per la Corte dei Conti i risultati del 2005 sono stati superiori alle stime prese a riferimento dal governo. Inoltre la spesa sanitaria dal dicembre 2005 e nei primi mesi del 2006 mostra ”una nuova inversione di tendenza”. E’ questo però un vecchio gioco. ”La sottovalutazione dei costi non è una situazione nuova: così è sempre accaduto negli ultimi sei anni”.

Tra i tanti sprechi evidenziati, colpisce che gli ospedali italiani spendano ogni anno almeno 5 miliardi di euro per gli acquisti di farmaci e beni biomedicali, mentre una diversa organizzazione consentirebbe di risparmiare qualcosa come 500 milioni di euro all’anno. Basta infatti un computer, il collegamento ad internet ed un software in grado di gestire ordini ed approvvigionamenti per ridurre gli sprechi. Ma questa strada è ostacolata anche dalla legge: una rete tra gli ospedali ne violerebbe l’autonomia gestionale.

Un altro capitolo riguarda i farmaci. In Italia abbiamo i prezzi dei farmaci più bassi d’Europa quando le scatole escono dagli stabilimenti di produzione. E tra i più alti quando i medicinali arrivano tra le mani dei cittadini.

La ragione è presto spiegata: i margini di ricarico a favore della distribuzione finale (farmacie) e intermedia (grossisti) in Italia sono tra i più elevati. Lo stabilisce una ricerca del “Caveas” il Centro di economia sanitaria dell’Istituto Mario Negri di Milano che ha preso in  onsiderazione i prezzi di 20 farmaci di

C’è di più. Dal 2000,anno di entrata in vigore delle legge 388, i prezzi in Italia hanno avuto un’impennata ben superiore all’inflazione. Il sistema è costoso ma, in ultima analisi, poco attento agli  loro voce è sovente coperta da altre esigenze molto più forti: quella della politica e quella delle retribuzioni, slegate da merito e produttività.

Il benessere e la sicurezza di una nazione, prima ancora che con le percentuali del Pil, si misurano con lo stato di salute della sua popolazione. La salute condiziona infatti la possibilità o meno di partecipare alla vita sociale, di lavorare e creare ricchezza, di studiare e produrre sapere e cultura. Limitare gli sprechi potrà contribuire grandemente a tale fondamentale obbiettivo.

90 miliardi di euro del 2005, con una contemporanea crescitafabbisogno tendenziale  indica una cifra variabile fra i 96,1 e i 97,6 miliardi, cui vanno aggiunti gli oneri dei rinnovi contrattuali, stimati dalle Regioni attorno ai quattro miliardi.classe “A” più venduti in Italia sia nel nostro che in altri sei Paesi europei presi come riferimento. Le cifre dicono che per quanto riguarda il prezzo medio industriale, per 10 farmaci su 20 l’Italia ha fatto registrare i valori più bassi. Le differenze esplodono quando si sposta il confronto sui prezzi al pubblico praticati nei sette Paesi per gli stessi 20 farmaci. In questo caso entrano in gioco due fattori:  icuramente conta l’IVA (che oscilla dal 16% della Germania all’aliquota zero dell’Inghilterra), ma il fattore che conta di più è sicuramente il margine riconosciuto per legge alla distribuzione.utenti, dato che la

Alcuni dati “di struttura”

  • Istituti di cura totali (2003) 1.367
  • Di cui pubblici 752
  • Posti letto 239.855
  • Posti letto per 1000/abitanti, Italia 4,16
  • Posti letto per abitante min, Campania 3,03
  • Posti letto per abitante max, Lazio 5,37
  • Numero ricoveri (2003, milioni) 8,4
  • Ricoveri/1000 abitanti 146,5
  • Numero ricoveri (2000, milioni) 9,4
  • Ricoveri/1000 abitanti 163,5
  • Degenza media 2003 (giorni) 7,6
  • Numero medici Italia 330.000
  • N.medici/1000 abitanti Italia 5,7
  • Numero medici Francia 198.000
  • N.medici/abitante Francia 3,4
  • Numero medici Germania 273.000
  • N.medici/abitante Germania 3,3

Misura Risparmio

Alcune proposte per possibili risparmi annui della spesa sanitaria(mln euro) SSN

  • Migliore utilizzo macchinari 1.700
  • Migliorare la gestione per ridurre rischi di errori 2.000
  • Riduzione del 20% delle ricette e dei relativi costi per SSN 2.000
  • Acquisti telematici 500
  • Riduzione 50% esodi sanitari 1.000
  • Migliorare la dimensione delle confezioni di farmaci in flacone 800
  • Riduzione del 20% del ricovero improprio di persone anziane 1.000
  • Riduzione del 20% di ricoveri impropri per interventi chirurgici 2.000

TOTALE 11.000

(Equivalente al 12% della spesa; 0,8 punti di PIL)

Famiglie

  • Riduzione del 30% dell’acquisto di farmaci 1.500
  • Aumento della quota di farmaci generici dall’1,5% al 20% 1.500
  • Rendere più efficiente il sistema delle prenotazioni 300
  • Migliorare la dimensione delle confezioni di farmaci in flacone 800

TOTALE 4.100

Imprese

Riduzione periodo medio per i pagamenti 300

Altro

Rendere più efficiente sistema di smaltimento medicine scadute 2.000

A. Ospedali e dintorni

1. Nuova Villa Malta a Sarno ha resistito anche all’alluvione che ha travolto il paese. Ma non è mai stato né sarà utilizzato.

2. strutture pubbliche circa 320 mila pazienti (il 4 per cento) denunciano danni, dei quali un quarto dovuti a colpa professionale accertata, Più specificamente, nel 20% dei casi la responsabilità dei danni al paziente è attribuita al personale sanitario, nel 13,8% al medico chirurgo, nel 12,5% al medico specialista. Le richieste di risarcimento sono oggi circa 150 mila, di cui 12 mila pendenti da tempo davanti ai giudici. Si calcola che ogni denuncia costi in media al Sistema sanitario nazionale circa 26.750 euro.

3.  Italiano l’uso improprio del DRG, il sistema di rimborso per le prestazioni sanitarie. Fonte: dr. Mario Blandini, Procuratore Generale della Repubblica, al convegno “Sanità: spese e sprechi- l’ottimizzazione delle risorse e la salute del cittadino” 11 gennaio 2006 Milano)

4.  l’ospedale sono iniziati nel ’65, abbandonati nel ’72, ripresi nell’84 e oggi di nuovo bloccati perché tre anni fa al secondo piano del nosocomio gli inquirenti hanno scoperto un deposito di armi della camorra.

5. ultimi 12 mesi, 1,8 mln (14,5%) si è ricoverato nelle case di cura private. Per l’87,2% degli italiani l’ospedale come struttura pubblica o privata non fa differenza. Per le casse dello stato sì visto che la spesa assorbita dal privato è infatti superiore di circa 4 miliardi di euro all’anno.

6. ricovero per cirrosi in Val d’Aosta costa 4094 euro; in Toscana 2977 euro. Se le regioni facessero pagare il costo della regione più virtuosa, i risparmi sarebbero elevati: almeno 5 miliardi di euro. (Fonte: Osservatorio Terza età)

7. costruzione, in provincia di Avellino, di un Centro oncologico pediatrico, mai utilizzato, nonostante 6 milioni di euro spesi dalla Regione Campania e dai fondi europei, i macchinari modernissimi, i 30 medici ricercatori assunti, il direttore scientifico e persino 10 vigilanti di guardia alla struttura.

 

Rimborsi miliardari. Cinque miliardi di euro: è quanto costa allo Stato Cemento armato A Boscotrecase (Torre Annunziata) i lavori per Pubblico o privato Dei 12,8 milioni di italiani ricoverati in ospedale negliCaro letti Un ricovero in Friuli costa 3.108 euro; in Veneto 1.766. UnVigilanti del nulla La Regione Campania decide nel 1992 laOspedali, la riforma può attendere. L’8 agosto 2001 il governo 

 

7

 

8. accordò con le regioni per tagliare i posti letto in esubero, ridimensionare i piccoli ospedali e poco utilizzati (con un tasso di utilizzo inferiore al 75%). Ma solo la metà delle regioni ha finora attuato il piano.

9. Migrazioni prostatiche. Si calcola che un’asportazione parziale della prostata, senza complicanze, costa in Puglia 4.380 euro, in Piemonte 4.284, a Milano 3.582 e in Umbria 8.087 euro.

10.  1959) sono stati spesi oltre 2,5 milioni di euro. Ora non ci sono altri fondi a disposizione, la fine dei lavori è ignota. Per l’Ospedale di Oppido Mamertina in Calabria, i lavori iniziati più di vent’anni fa mostrano già segni di cedimento nelle strutture portanti.

11.  ospedale elioterapico nel bosco di Mezzaselva, sulle pendici del Monte Erio. Negli anni 70 nacque anche una struttura per la Riabilitazione Neuromotoria. Ma l’Istituto, recentemente ristrutturato dalla Regione Veneto, resta ancora misteriosamente chiuso.

12. controlli interni ai singoli enti con il risultato che ospedali, Asl e le stesse regioni non segnalano mai anomalie che pur esistono e sono a volte gravissime. Si va dai veri e propri illeciti che nel 2005 hanno riguardato il settore sanità per un 30%, al versante degli sprechi tout court in cui rientrano la costruzione di strutture specialistiche inutilizzate e sofisticate apparecchiature mai usate. Tra i reati più diffusi la magistratura contabile segnala il comparaggio (passaggio di regali e soldi dalle case farmaceutiche ai medici per aumentare le prescrizioni). Numerosi i casi, nella casistica degli illeciti, di tangenti per appalti ed emissione di fatture false. (Fonte: Corte dei Conti).

13.  di euro per ricoverare vecchietti che le famiglie non vogliono tenere in casa. Lo rivela l’analisi fatta dall’Osservatorio della Terza Età che indica come gli anziani “parcheggiati” in ospedale costano all’Italia ogni anno circa 18 milioni di giornate di degenze.

14. costruzione dal 1956: i lavori, più volte interrotti, sono in corso dal 1998 su una nuova progettazione del ’96. il costo è nel frattempo lievitato del 2.350%.

15. piccole strutture ospedaliere senza unità specialistiche adeguate, il cui scopo principale appare quello di rispondere alla miopia di qualche politico e di peggiorare la propria funzionalità.

 

Opere infinite. Per il centro di riabilitazione di Pizzo Calabro (istituito nelPoco sole a Mezzaselva. Ad Asiago negli anni trenta fu realizzato unIl controllo non abita in ospedale. Per la mancanza di adeguatiParcheggi geriatrici. Ogni anno lo Stato italiano spreca fino a 8 miliardiMezzo secolo. L’ospedale San Bartolomeo in Galdo (Benevento) è inMicrostrutture. Secondo una inchiesta del Senato l’Italia pullula di16.  ben 1.727 euro; in Emilia Romagna solo 697.Parti scontati. Un parto naturale in ospedale può costare in Trentino Maggiore età. Una inchiesta del Senato ha denunciato che in Italia i Mutuati. I medici di famiglia sono 0,9 per ogni mille abitanti. Molto menoAmianto ai pazienti. L’ospedale “Santa Maria di Casascola” diSpettri sanitari. Oltre agli ospedali fantasma, la nostra sanità presentaGioia a perdere. La Regione Calabria, nel 1984, decise la costruzione diGiungla di tariffe. Tra le tariffe ospedaliere delle varie regioni ci sonoInvestimenti psichiatrici. La Regione Abruzzo, all’inizio degli anni

 

24.

 

dell’ospedale romano Sant’Andrea. Non si sa quanti siano (pare

 

quattrocento) e cosa facciano. Una vicenda che si trascina sin dalla

 

nascita dell’ospedale, sorto da una costola del Policlinico e vissuto

 

troppo a lungo dentro l’ambiguità di essere per metà ospedale e per

 

metà università. Si tratta soprattutto di lavoratori interinali ma anche di

 

lavoratori di cooperative, tutti con contratti differenti. Ma chi pagherà per

 

la loro stabilizzazione?

 

25.

 

cesarei. Ma in Campania, e a Napoli in particolare, la percentuale di parti

 

cesarei è la più alta del mondo: il 50%, contro una media consigliata

 

dall’Oms del 15%. Pare che gli ospedali campani abbiano timore di

 

cause per danni alla nascita: ma forse il motivo è un altro. Il Ministero

 

della Salute paga infatti circa 1.000 euro in più il parto cesareo rispetto a

 

quello naturale e alcune assicurazioni rimborsano solo parti cesarei.

 

26.

 

ospedale? Anche qui la confusione è totale. Il minimo è dei presìdì delle

 

Asl con i 29.990 euro dell’ospedale di Gerace, in provincia di Reggio

 

Calabria. Ma c’è anche il massimo con i 462.500 euro del presìdio « F.

 

Pentimalli » di Palmi ( Reggio Calabria). Un vero record.

 

27.

 

Si va dal minimo di 1.686 euro per un ricovero al « Vittorio Emanuele » di

 

Gela al massimo di 5.603 euro del S. Maria della Misericordia di Udine

 

tra le aziende “generaliste” e di 8.953 al Maria Adelaide di Torino, che

 

però è un ospedale traumatologico. Stesso discorso per gli ospedali Asl,

 

dove si passa dai 1.113 euro del « Suor Cecilia Basarocco » di Niscemi

 

ai 9.475 euro del « Luciano Armanni » di Arco.

 

28.

 

dell’appendice, (senza complicanze) può costare allo Stato 2.242 euro

 

in Toscana, 2.527 a Milano, e fino a 5.549 euro in Umbria. Che non

 

brilla anche in altre operazioni. Un’asportazione della colecisti (senza

 

complicanze) costa in Toscana 2.496 euro, a Milano 2.611 euro e in

 

Umbria addirittura 5.051.

 

29.

 

Radioterapia, ospita apparecchiature con sorgenti di Co –60 (cobalto 60)

 

che giacciono inutilizzate da anni, con evidente pericolo per la sicurezza

 

e l’incolumità dei visitatori.

 

30.

 

che non sono stati mai completati. In prima fila la Sicilia con 34, segue la

 

Puglia con 22. Anche il Lazio non se la passa male, con 10 ospedali

 

incompiuti. Costo complessivo delle opere: 8 miliardi di euro, dei quali

 

oltre la metà spesi; posti letto realizzati: zero.

Altri fantasmi. E’ ormai nota la vicenda dei lavoratori «fantasma»Cesarei che passione. L’Italia detiene il record europeo quanto a partiPosti letto a cinque stelle. Quanto costa annualmente un posto letto inRicoveri al top. Quanto costa un ricovero in ospedale? Difficile capirlo.Caro appendice in Umbria. Un banale intervento di rimozionePericolo radiazioni. L’Ospedale Civile di Careggi (FI) nel reparto diOspedali infiniti. È un vero record. Abbiamo, in Italia, ben 126 ospedali

10

 

31.

 

macchinari medici che restano inutilizzati o sottoutilizzati, senza

 

ammortizzare la spesa, per un valore di circa 1,7 miliardi di euro

 

complessivi.

Macchine. Gli ospedali italiani avrebbero il primato europeo dei

B. Gli esami non finiscono mai

 

32.

 

famiglia, rei di essere “iper-prescrittori”. Di essere cioè medici che

 

prescrivono farmaci in modo maggiore rispetto alla media degli altri loro

 

colleghi.

 

33.

 

mondiale delle TAC effettuate: ben 40 milioni all’anno. Tutte utili? Le

 

regioni, che dovrebbero controllare, dormono sogni tranquilli…

 

34.

 

ridurre i tempi d’attesa per le visite sanitarie urgenti. Il piano prevedeva

 

che il fondo fosse ripartito tra le regioni e che 50 milioni fossero destinati

 

per l’attuazione dei Centri unici di prenotazione (Cup). A livello nazionale

 

il provvedimento imponeva un tempo massimo d’attesa non superiore ai

 

30 giorni, 60 per le prestazioni diagnostiche. Ma per ora resta sulla carta.

 

E solo il 23% dei siti web di Regioni, Asl, IRCCS, Aziende ospedaliere e

 

policlinici fornisce dati su tempi e liste di attesa. Liste di attesa troppo

 

lunghe hanno conseguenze anche sul versante della spesa se,

 

mantenendo i pazienti in stato di incertezza, prolungano cure ed acquisti

 

di medicinali.

 

Fonte: Ministero della salute

 

35.

 

telefonicamente prevede attese che possono giungere sino a 40 minuti o

 

con linee sempre occupate, telefoni staccati, fascia oraria del servizio

 

ridotta. I centri unici di prenotazione sono rari e talvolta inefficienti. Il

 

costo delle prenotazioni per il sistema e per i cittadini è valutato in

 

almeno 300 milioni annui.

 

36.

 

variare persino all’interno della stessa struttura, a seconda che la

 

prognosi del paziente sia più o meno infausta ed anche se il lavoro che

 

ha già fatto l’equipe chirurgica è identico. L’applicazione di criteri

 

omogenei potrebbe portare a risparmi nell’ordine dei 250 milioni di euro.

 

37.

 

acquistare, e mai utilizzato, apparecchiature radiologiche, nascoste in

 

uno scantinato, con un danno valutato dalla Corte dei Conti in oltre due

 

milioni di euro.

 

38.

 

benessere dell’anziano, il ministero della Salute ha consigliato un set di

 

esami medici. È stato calcolato che se tutti i cittadini italiani nella fascia

Prescrizioni a pioggia. Denunciati dalla Corte dei Conti 560 medici di40 milioni di TAC. Non c’è da stupirsi, allora, se l’Italia detiene il primatoListe di attesa. Tuttora inutilizzati 150 milioni di euro, con la finalità diCorse ad ostacoli. In Italia prenotare una prestazione sanitariaRimborsi a premio. Il rimborso dovuto per un esame clinico puòScantinati. Quattro funzionari del Policlinico Umberto I hanno fattoBoomerang. Con una campagna di comunicazione dedicata al

11

 

di età interessata seguissero i consigli ministeriali, si effettuerebbero 67

 

milioni di prestazioni in un anno, contro i 18 milioni strettamente

 

necessari. Il costo per il Servizio sanitario crescerebbe di 1,3 miliardi di

 

euro, di cui 528 milioni (il 40%) graverebbero direttamente sulle tasche

 

dei cittadini, attraverso il ticket. Se il ministero si limitasse a suggerire

 

solo gli esami utili, il costo scenderebbe a 254 milioni di euro, di cui solo

 

32 (il 13%) a carico dei cittadini.

 

39.

 

l’appuntamento è fissato dopo 60 giorni dalla prenotazione; nel 31% dei

 

casi occorre aspettare tra i 16 e i 60 giorni, mentre solo il 14,5% delle

 

prestazioni è assicurato nell’arco delle due settimane. Nel Molise e della

 

Liguria le prestazioni sono erogate nell’arco dei 60 giorni, in Abruzzo,

 

nelle Marche e nelle province autonome di Trento e Bolzano occorre

 

sempre attendere più di due mesi. Il record dei ritardi spetta a Ravenna,

 

dove per una visita oculistica il primo appuntamento può capitare

 

addirittura 19 mesi più tardi.

 

40.

 

per ammodernare il sistema e, dunque, poter meglio risparmiare. In

 

particolare, nell’ambito del programma straordinario di investimenti in

 

tecnologie sanitarie la Calabria ha speso solo il 14% di 400 milioni di

 

euro, la Campania il 26% di 1.100 milioni e la Puglia il 29% di 800

 

milioni.

 

41.

 

rottamata; trattandosi di un policlinico, quello Consorziale di Bari, rimane

 

un formidabile esempio di spreco e cattiva gestione delle strutture

 

sanitarie pubbliche. L’identikit dell’ospedale non lascia speranze: barriere

 

architettoniche inamovibili, lavori iniziati e mai ultimati, impianti non a

 

norma, sale d’attesa improvvisate nei corridoi, assenza di segnaletica. E

 

ancora: troppi reparti di chirurgia generale senza terapia intensiva; zero

 

psicologi; niente radioterapia oncologica e Pet. In pratica su 30 padiglioni

 

solo 4 o 5 sono salvabili. Finanziamenti permettendo.

Campa cavallo. Per una mammografia, nel 46,6% dei casi,Tecnologia, chi la conosce? Numerose regioni non sanno spendereUn rottame di nome Policlinico. Fosse un’auto, sarebbe stata già

C. Un popolo di medici

 

42.

 

Umberto I, e Sant’Andrea) la Corte dei conti ha contestato danni erariali

 

per consulenze ingiustificate che vanno dai 40 mila al milione e

 

trecentomila euro.

 

43.

 

dei medici nella diagnosi o nella terapia. L’ambito più colpito è quello

 

dell’Ortopedia col 18% delle lamentele, l’88% delle quali risultano alla fine

 

fondate; seguono Oncologia e Ostetricia e Ginecologia col 13%, Chirurgia

 

generale (12%). In fondo alla classifica, ma con sospetti di lamentele in

 

crescita, ci sono Odontoiatria (6,6), Neurologia (4,1) e Urologia (3,9). Con

 

richieste di danni da parte dei pazienti pari a 2,5 miliardi di euro.

Consulenze. A tre importanti nosocomi romani (San Camillo, PoliclinicoOspedali, lamentele e tribunali. Un cittadino su tre si lamenta di errori

12

 

44.

 

(istituto pubblico di ricerca) di Ancona avrebbe retribuito nel 2004 un

 

dirigente medico ortopedico con consulenze per 1.200 euro l’ora fino ad

 

uno stipendio annuo aggiuntivo di 350.000 euro. Dal 2000 gli emolumenti

 

corrisposti allo stesso medico avrebbero superato il milione di euro. Il

 

deficit nazionale dell’INRCA ammonta a circa 50 milioni di euro. (Fonte:

 

interrogazione alla regione Marche di Maria Cristina Cecchini Consigliere

 

regionale di Sinistra Democratica)

 

45.

 

sei i contratti pubblici carenti della copertura finanziaria. Cinque di essi

 

riguardavano il settore della sanità. «Delle sei ipotesi contrattuali per le

 

quali non vi è stata certificazione positiva – spiega la magistratura

 

contabile – cinque si riferiscono al settore della sanità (in particolare, due

 

di queste riguardano la parte economica del biennio 2002-2003 per il

 

personale dell’area della dirigenza medica e veterinaria e dell’area della

 

dirigenza dei ruoli sanitario, professionale, tecnico e amministrativo del

 

Servizio sanitario nazionale), mentre altre tre concernono il personale

 

convenzionato con il SSN (medici di medicina generale, medici

 

specialistici ambulatoriali interni e altre professionalità interne

 

ambulatoriali, nonché medici pediatri)».

 

46.

 

medici rispetto alla popolazione residente. Abbiamo infatti 5,7 medici

 

ogni mille abitanti, in Germania il rapporto è di 3,3 medici ogni mille

 

abitanti, in Francia è di 3,4 mentre nel Regno Unito è addirittura di 2.

 

Negli Usa il rapporto medico/mille abitanti si attesta a 2,7 mentre in

 

Canada è a 2,1 camici bianchi ogni mille abitanti. (Fonte: FNOMCEOFederazione

 

Nazionale Ordine dei Medici Chirurgi e Odontoiatri). Nel

 

Lazio si contano appena 135 cittadini per ogni dottore; in Liguria 139

 

abitanti per medico. Nella Valle d’Aosta e nel Trentino Alto Adige, invece

 

si contano 234 e 231 abitanti per camice bianco

Ortopedico d’oro. L’INRCA, l’istituto nazionale riposo e cura anzianiContratti scoperti. Nel 2005 la Corte dei Conti ha denunciato che eranoUn popolo di medici. L’Italia è il primo paese al mondo per numero di.

47.

 

al fabbisogno delle aziende sanitarie del centro nord. Il buco delle

 

aziende sanitarie è legato in parte a carenze rispetto alle piante

 

organiche – circa 26.000 unità in meno rispetto alle esigenze riscontrate

 

– in parte alla mancanza di posti dal 1997 al 2005 nei corsi di laurea

 

triennale. E se si dovesse rispettare lo standard Ocse di 6,9 infermieri

 

ogni mille abitanti (da noi ce ne sono 5,4) ne servirebbero almeno 98mila

 

in più. L’ultimo contratto sanitario ha consentito la promozione di un

 

infermiere su due. Inoltre gli esclusi stanno ottenendo l’avanzamento

 

grazie agli accordi nelle singole Asl. Costo per il sistema sanitario,

 

valutato in 400 milioni di euro.

… e pochi infermieri. Ci sono almeno 60 mila infermieri in meno rispetto

13

 

48.

 

o quell’altro medicinale. Sono circa 564 i camici bianchi che nella sola

 

Lombardia hanno causato nel 2004 un danno erariale di 25,428 milioni di

 

euro alle casse dello Stato prescrivendo raffiche di medicine a seguito di

 

regali delle case farmaceutiche.

 

49.

 

hanno prescritto antibiotici in misura doppia rispetto a quanto previsto nel

 

protocollo della regione. Con oneri per il sistema sanitario pubblico tra i

 

650 mila e il milione di euro.

 

50.

 

fra medico e infermiera, flaconi simili per sostanze diverse, sviste,

 

operazioni chirurgiche semplici costate la vita a troppi pazienti: su 8

 

milioni di ricoverati ogni anno in Italia, 320 mila subiscono danni.

 

51.

 

errori medici sono aumentate del 184 per cento, passando da 3.150 nel

 

1994 a 7.800 nel 2002; quelle a carico di Aziende sanitarie locali e

 

ospedali hanno invece segnato un aumento più misurato (31 per cento),

 

passando dalle 5.100 del 1994 alle 6.700 del 2002. Lazio, Lombardia,

 

Sicilia, Campania, Puglia, Calabria, sono le Regioni dalle quali

 

provengono il maggior numero di denunce. Fonte: convegno “La

 

responsabilità professionale del medico”, promosso dall’Ospedale “Sacro

 

Cuore-Don Calabria” di Verona.

 

52.

 

Campania ha rilevato per il personale della sanità campana un aumento

 

del 49,8% per i buoni pasto e del 133,1% per l’equo indennizzo del

 

personale.

 

53.

 

solo 1998 ha prescritto clisteri per un equivalente di 3 miliardi di lire.

 

54.

 

inchiesta per 160.000 ricette anomale: si sospetta una gigantesca frode.

Grafomani. Medici dalla ricetta più veloce del West a prescrivere questoRaffiche di antibiotici. La Asl Napoli 3 ha scoperto che otto mediciSe il danno aumenta i costi. Prescrizioni poco leggibili, incomprensioniL’errore regna in corsia. Nel corso degli ultimi dieci anni, le denunce diCari indennizzi. La Corte dei Conti spulciando i conti della RegionePrescrizioni maniacali. La Asl Napoli 5 ha scoperto un medico che nelRicette anomale. Sei aziende sanitarie locali del Friuli sono sotto

D. Amare medicine

 

55.

 

consentono di utilizzare tutto il prodotto) si ha uno spreco dal 20 al 30%

 

di prodotto, che va a gravare sui bilanci familiari e sui conti dello Stato.

 

Infatti il malato è costretto ad acquistare una seconda scatola del

 

farmaco o a mantenere in giacenza, spesso fino alla scadenza del

 

prodotto, la scatola. L’aggravio di spesa è calcolato in 1,7 miliardi di euro

 

a livello nazionale.

 

56.

 

stanziato 50 milioni di euro per costituire le scorte dell’antivirale Tamiflu

 

che a parere di molti esperti sembra inutile persino per una semplice

 

influenza umana.

Confezioni. A causa delle confezioni dei farmaci in flacone (che nonAntivirali. Contro la possibile pandemia di influenza aviaria l’Italia ha

14

 

57.

 

quarto del prezzo di vendita al netto dell’IVA. I loro colleghi svedesi il

 

16%; quelli inglesi solo il 12,50%. Questo grazie ad un regio decreto del

 

1927 che consente ai 16.800 farmacisti italiani di incassare ogni anno

 

dallo Stato 4 miliardi di euro. Il fatturato annuo dei farmacisti è pari a 16,3

 

miliardi annui.

 

58.

 

ricette. Ogni cittadino riceve in media 8 ricette all’anno e costa al SSN

 

204,6 euro. Sette italiani su dieci ricevono ogni anno almeno una

 

prescrizione farmaceutica: nel 2004 784 ogni mille abitanti, con un

 

aumento del 35% rispetto al 2000. Dal punto di vista geografico, infine, la

 

prescrizione dei farmaci è maggiore nel centro – sud rispetto al nord. La

 

spesa farmaceutica rappresenta il 14,6% della spesa complessiva del

 

servizio sanitario: l’incremento della spesa pubblica è imputabile quasi

 

interamente ad un aumento delle quantità prescritte (+9,8%) e in misura

 

minore allo spostamento della prescrizione verso farmaci più costosi

 

(+0,6%), mentre i prezzi sono diminuiti dell’1%.

 

59.

 

smaltisce i medicinali scaduti negli appositi contenitori. Tenuto conto che

 

ogni famiglia elimina mediamente almeno 10 confezioni di medicine

 

all’anno, si genera un danno ambientale enorme, stimato in almeno 4,5

 

miliardi di euro all’anno, con impatto anche sul sistema di trattamento dei

 

rifiuti.

 

60.

 

sulle ricette, ma rimborsa per intero farmaci anti impotenza come Viagra,

 

Cialis, Levitra, Vivanza, Ixense, Uprima, Taluvian.

 

61.

 

farmaci in Italia hanno avuto un’impennata. Ad esempio, alcuni

 

anticoncezionali, che in Spagna costano il 29% in meno e in Francia il

 

16% in meno, sono aumentati nel nostro paese di circa il 30%. Dal 2000

 

il prezzo di una pomata antimicotica, che in Spagna costa il 63% in

 

meno e in Francia il 16% in meno, in Italia è aumentato del 50%. E

 

ancora, una nota pomata antibiotica è passata da poco più di 7,00 euro

 

nel 2000 ai 13,97 euro di oggi.

 

62.

 

stata nel 2005 di 11.847 milioni di euro, un valore superiore del 6%

 

rispetto all’assegnazione prevista nell’ambito del Fondo sanitario 2005

 

(11.176 milioni di euro) e calcolata nella misura del 13% del

 

finanziamento dei Livelli Essenziali di Assistenza. Insomma, un altro

 

buco finanziario da ripianare.

 

 

15

Regio decreto. I farmacisti italiani trattengono su ogni medicina unAd ognuno la sua ricetta. Ogni anno si prescrivono 478 milioni diMedicine scadute. Il 64,3% degli italiani, soprattutto per pigrizia, nonViagra gratis ma con ricetta. La regione Veneto ha sì introdotto il ticketPrezzi. Dal 2000, anno di entrata in vigore delle legge 388, i prezzi deiBuco da ripianare. La spesa farmaceutica netta a carico del SSN è

63.

 

spazzatura: uno spreco che costa allo Stato 650 milioni di euro. Il 96%

 

degli italiani ammette di buttare via 10 scatole mai usate ogni anno

 

mentre il 3% arriva a 20 confezione. Fonte: Dipartimento economico

 

dell`Osservatorio sulla terza età “Ageing Society”.

 

64.

 

mila euro, pari al 24% del fatturato medio. Circa il doppio di una farmacia

 

inglese.

 

65.

 

a dicembre 2005, alla domanda di un sondaggio

 

sconto sui farmaci da banco?’

 

risposto “sì”, contro un 60,4% che non ne aveva visto traccia e un 28,9%

 

che neanche sapeva si potesse ottenere. Fonte: Ministero della Salute

 

66.

 

Terza Età risulta che il 34% delle farmacie non applica sistematicamente

 

ai cittadini lo sconto del 4,12% sul prezzo praticato al pubblico per i

 

farmaci prescrivibili dal servizio sanitario nazionale (SSN) ma pagati

 

direttamente. Considerato che in Italia la spesa farmaceutica ammonta in

 

totale a poco più di 18 miliardi di euro (dei quali 11,15 miliardi a carico

 

del SSN e 6,92 miliardi a carico delle famiglie) e che 732 milioni di euro

 

sono spesi dalle famiglie per l’acquisto di farmaci rimborsabili dal SSN, la

 

mancata applicazione dello sconto determina un aggravio dei costi per i

 

cittadini di oltre 10 milioni di euro su base annua, a cui si contrappone un

 

maggiore ricavo per i farmacisti di oltre 20 milioni di euro, questi ultimi poi

 

beneficiano anche dello sconto praticato all’origine dai produttori (6,8%).

 

Mediamente ogni farmacia che non applica lo sconto sul prezzo al

 

pubblico beneficia di introiti addizionali stimabili in circa 4 mila euro.

 

67.

 

L’ultimo elenco del Ministero della Salute prevede molti nuovi principi

 

attivi per i quali è intervenuta la scadenza brevettuale. Il 18% del totale

 

dei medicinali sono principi attivi non coperti da brevetto quindi destinati

 

a diventare generici. L’elenco di farmaci interessati dal sistema di

 

rimborso è da tempo sul sito internet del Ministero, e la sua adozione

 

consentirebbe meno sprechi e disagi per i cittadini, grazie al pronto

 

aggiornamento da parte delle regioni della lista dei nuovi farmaci generici

 

(gratuiti), emanata dal Ministero della Salute. Ad oggi solo poche regioni

 

hanno provveduto ad aggiornare le proprie liste, ad introdurre cioè tali

 

farmaci nel sistema cosiddetto dei generici.

 

68.

 

prescrizione di farmaci onerosi in luogo dei generici a pari effetto. Da noi

 

si vendono solo 8 milioni di pezzi di farmaci generici su 530 milioni di

 

farmaci. La quota di mercato costituisce dunque soltanto l’1,5% della

 

spesa farmaceutica (115 milioni di euro) pur costando in media il 20%

 

medio in meno. Ciò comporta un onere per lo Stato e per i cittadini.

 

 

16

Pillole in fumo. Ogni anno, in Italia un miliardo di pillole finisce nellaMargini. Ogni farmacia italiana ha un margine medio netto di oltre 230Lo sconto fantasma…. La legge 149 prevedeva sconti in farmacia. Ma‘sei riuscito ad avere losolo il 10,6% degli intervistati aveva…. E chi ci guadagna. Da un’indagine condotta dall’Osservatorio per laGenerici: liste in ritardo. Che fine hanno fatto i farmaci generici?Prescrizioni sprecone. Il Ministero della salute denuncia la diffusissima

69.

 

stupefacenti per la produzione di pastiglie confezionate con false

 

etichettature e truffavano lo Stato chiedendo il rimborso di specialità

 

medicinali ad altissimo costo utilizzando ricette mediche intestate a

 

pazienti inesistenti, morti o ignari. Artefici della truffa varie categorie di

 

soggetti operanti nel settore chimico-farmaceutico con un danno del SSN

 

per un ammontare di 13 milioni di euro.

 

70.

 

accusato alcune società farmaceutiche (Glaxo, Biofutura, Bracco,

 

Novartis, AstraZeneca, Lusofarmaco, Recordati e Bristol) di aver

 

compiuto negli anni una truffa da 20 milioni di euro ai danni del Servizio

 

sanitario nazionale. Venivano corrotti medici, farmacisti ed informatori

 

scientifici: i quattrini erano recuperati dalle aziende grazie alla valanga di

 

prescrizioni. In dettaglio, sono stati denunciati: 2.579 medici di medicina

 

generale e 62 dipendenti della Glaxo Smith Kline per comparaggio;

 

1.738 medici specialisti e 138 dipendenti Glaxo per concessione o

 

promessa di premi o vantaggi pecuniari o in natura; 196 soggetti per

 

corruzione tra cui 63 medici specialisti e farmacisti ospedalieri che in

 

cambio di denaro o beni o consulenze si sarebbero accordati con gli

 

uffici di vendita della GSK per favorire i medicinali prodotti dalla stessa

 

azienda; 60 oncologi ospedalieri (primari, direttori di clinica o di unità

 

complesse, aiuti) che nell’ambito del cosiddetto “progetto Hycamtin”

 

avrebbero ricevuto somme per ogni paziente trattato; 73 dipendenti GSK

 

(amministratori, dirigenti, quadri e dipendenti). Questi ultimi sono stati

 

denunciati anche per associazione a delinquere. (Fonte: 453 articoli di

 

stampa, 2003-2006)

 

71.

 

euro. Moltiplicando questa cifra per 20 milioni di nuclei si arriva a 4

 

miliardi di spesa. Il 9% degli italiani confessa di conservare

 

nell’armadietto di casa una scorta di oltre 20 medicinali.

 

72.

 

Dai 333,39 euro pro-capite della Asl-A di Roma si passa ai 142,79 euro

 

pro-capite della morigerata Bressanone. Dalle 11,3 ricette all’anno a

 

persona della Asl F di Roma alle 5,2 di Brunico. Al top dell’iperspesa

 

sanitaria ci sono la Sicilia ed il Lazio che nel 2004 hanno speso ben oltre

 

la media nazionale.

 

73.

 

pazienti, prescrivevano notevoli quantità di

 

per la cura dell’emofilia a carico del Servizio farmaceutico della locale

 

Azienda sanitaria. I truffatori si garantivano un guadagno di circa 105

 

euro a flacone prescritto, di cui 90 destinati ai farmacisti e i restanti 15 al

 

paziente. Con un danno all’Erario quantificato in oltre 4 milioni di euro.

 

 

17

Stupefacente per caso. Utilizzavano principi attivi farmaceuticiComparaggio. Un gigantesca inchiesta della magistratura italiana ha4 miliardi inutili. In ogni famiglia ci sono farmaci inutilizzati per 200A tutto farmaco. La spesa per i farmaci al Sud è doppia rispetto al Nord.Spartizioni. I titolari di una farmacia barese, con la complicità di alcuniEmoclot, un costoso farmaco

74.

 

bassi d’Europa quando le confezioni escono dagli stabilimenti di

 

produzione. Diventano i più cari quando arrivano ai malati. Lo dimostra

 

una ricerca che ha preso in considerazione i prezzi di 20 farmaci di

 

classe “A” più venduti in Italia sia nel nostro come in altri sei Paesi

 

europei presi come riferimento. Fonte: ricerca del “Caveas” il Centro di

 

economia sanitaria dell’Istituto Mario Negri di Milano

 

75.

 

aumento boom nel primo bimestre 2006 sul primo bimestre 2005. Si

 

tratta di un +11,4% mentre per marzo le stime provvisorie indicano un

 

trend di almeno +13%. Aumenti consistenti dunque ma con la solita

 

altalena tra le Regioni. La maglia nera va alla Puglia e all’Abruzzo,

 

rispettivamente +203% e +18,7%, mentre le Marche e la Campania sono

 

state le Regioni più virtuose con un aumento solo (si fa per dire) del

 

5,5%. (Fonte: Federfarma).

 

 

E. Il risparmio può attendere

Farmaci, in Italia prezzi record. I prezzi dei farmaci in Italia sono più…. E la spesa continua a crescere. La spesa farmaceutica registra un

76.

 

sanitario, negli ultimi l0 anni non ha utilizzato circa 550 milioni di euro a

 

sua disposizione a titolo di finanziamenti europei.

 

77.

 

a tardare fino a 500 giorni, con elevati costi derivanti dagli altissimi

 

interessi di mora, in quanto la legge stabilisce pagamenti a 90 giorni. Si

 

crea pertanto un debito sommerso valutabile in 300 milioni di euro. La

 

situazione più delicata riguarda Lazio, Puglia e Lombardia, che da sole

 

assorbono complessivamente poco meno del 50% dello scoperto totale.

 

78.

 

2,5 miliardi, previsto dalla Finanziaria 2006 sulla spesa sanitaria, ”appare

 

di non facile realizzazione” e questo ”nonostante la persistenza di

 

margini per una riduzione delle inefficienze e per un più appropriato

 

utilizzo delle strutturo di ricovero”.

 

79.

 

sistema sanitario nazionale per curare cittadini coperti da assicurazioni

 

sanitarie.

 

80.

 

scelto di ricoverarsi fuori Regione; mentre la spesa farmaceutica risulta

 

fuori controllo, con uno sforamento del 13% per il 2005 del tetto del

 

fondo sanitario regionale, di 3 punti circa. A causa delle migrazioni

 

sanitarie Cosenza riceve 22.472.495 euro in meno della quota

 

complessiva che invece spetterebbe in proporzione agli abitanti; non ride

 

Reggio Calabria, che perde 11.862.111 euro.

 

 

18

Milioni a perdere. La Puglia per mancanza di progettualità nel campoNon ti pago. Un pagamento del Servizio sanitario nazionale può arrivareRisparmi aleatori. Secondo la Corte dei Conti il risparmio di spesa diAssicurati due volte. Sono 40 i miliardi di euro spesi, in dieci anni, dalFuga dalla Calabria. Sono settantamila i calabresi che nel 2004 hanno

81.

 

almeno 5 miliardi di euro per gli acquisti di farmaci e beni biomedicali. Ma

 

a parità di beni acquistati, si stima che un sistema telematico di ordini

 

consentirebbe di risparmiare almeno il 10% della spesa, pari a 500

 

milioni di euro all’anno.

 

82.

 

e Puglia. Sono queste le regioni italiane che più delle altre hanno sforato

 

la spesa farmaceutica. Rispetto al tetto del 13% a cui tutte le regioni

 

devono attenersi per la spesa farmaceutica c’è una differenza di 7,1

 

punti percentuale tra il Piemonte (la regione più virtuosa) e il Lazio che

 

supera il limite del 13% di 5,9 punti.

 

83.

 

mesi: ma l’Agenzia per i servizi sanitari regionali (Assr) ha calcolato che

 

ben 3 ricoveri su 4 per interventi chirurgici di routine non

 

richiederebbero il ricovero in ospedale. Come, a esempio, le patologie di

 

orecchio, naso e gola o le alterazioni dell’equilibrio, che “ricoverano”

 

rispettivamente nel 91% e l’87% dei casi. Se il sistema sanitario

 

spostasse dal ricovero in ospedale agli interventi sul territorio (dayhospital,

 

day-surgery e ambulatorio) almeno un milione di prestazioni.

 

Considerando l’ipotesi minore (ovvero il 25% pari a 17,6 milioni di

 

giornate di degenza) ed un costo medio di ricovero di 650 euro al

 

giorno, lo spreco stimato ammonta a oltre 11 miliardi di euro l’anno.

 

84.

 

oggi assorbita dagli ultrasettantacinquenni, che rappresentano solo il 7%

 

della popolazione. Considerando il trend in essere dell’invecchiamento, e

 

in assenza di correttivi, è facile concludere che tra poco più di un

 

decennio questo ritmo di spesa non sarà più sostenibile. Sarebbe più

 

opportuno per molti di questi casi utilizzare l’assistenza domiciliare.

 

85.

 

propria città o la propria regione per curarsi in altre regioni o all’estero,

 

con un incremento del 6% nel 2005. La mobilità sanitaria è costata alle

 

regioni meridionali circa 800 milioni di euro, di cui 246 milioni riferiti alla

 

Campania, 202 alla Sicilia, 166 alla Calabria e 84 alla Puglia.

 

Verso l’estero ci si sposta soprattutto verso i paesi europei (69,1) con in

 

testa la Francia (17,2), seguita da Belgio (13,7), Gran Bretagna (10,8),

 

Svizzera (10,3), Spagna (10,1) e Germania (7,0). Costo per il sistema

 

sanitario: 1,8 miliardi di euro. Queste risorse coincidono sostanzialmente

 

col risparmio ottenibile se i ricoveri fossero fatti in Italia, con strutture

 

comunque operative.

 

86.

 

sanitario della regione Calabria, che ha dovuto accendere mutui per

 

coprirlo. Il perché è presto detto. È rimasta inattuata la norma che

 

prevede il controllo sulle aziende sanitarie, e non è stato adottato il piano

 

sanitario regionale per il triennio 1998-2000. Da rilevare che solo nel ’99

 

 

19

La salute non corre sul filo. Gli ospedali italiani spendono ogni annoRegioni a rischio deficit. Lazio, Sicilia, Sardegna, Campania, CalabriaInutili ricoveri. Quasi 13 milioni di italiani in ospedale negli ultimi 12Default. Secondo le stime del Cnr il 30% dell’assistenza italiana vieneEsodi sanitari. Sono un milione e 200 mila gli italiani che lasciano laCalabria fanalino di coda. Sempre più grave il deficit del sistema

l’esodo dei cittadini calabresi verso le regioni del centro-nord per ragioni

 

di cura è costato alla Regione ben 267 miliardi

 

87.

 

riscosse sul proprio territorio, ma le spese sanitarie per il 57% le paga lo

 

Stato. Allo stesso modo anche la regione autonoma Sardegna chiede

 

annualmente un contributo statale per le spese sanitarie.

 

88.

 

strutture sanitarie e sui 21 siti web delle Regioni e della P.A, ha appurato

 

che il servizio risulta carente su tutto il territorio nazionale e 21 strutture

 

sanitarie (pari al 6%), sono prive addirittura di un sito internet accessibile.

 

Gli altri presentano una non facile accessibilità all’informazione da parte

 

degli utenti, aggiornamento non sistematico e spesso datato, e

 

disomogeneità tra le diverse strutture circa le indicazioni dei tempi

 

d’attesa e delle relative prestazioni. Fonti: Ministero della salute

 

Direzione generale della Programmazione sanitaria

 

89.

 

regionali, da una più appropriata erogazione di sole 43 prestazioni in

 

diversi regimi il sistema sanitario potrebbe risparmiare in poco tempo

 

oltre 1 miliardo di euro. Ma nessun piano generale impone queste

 

metodologie e c’è una generale diffidenza per i nuovi sistemi.

 

90.

 

ospedali, il 25-30% riguarda ricoveri impropri o degenze sostituibili con

 

prestazioni in day hospital o ambulatoriali, meno costose e più

 

rispettose della qualità di vita dei pazienti.

 

91.

 

sono scaturiti nove arresti tra cui quello di una imprenditrice e un ex

 

manager della stessa Asl. L’accusa: doppi pagamenti per forniture.

 

92.

 

nelle assicurazioni (CINEAS) ha proposto alla Sanità ospedaliera

 

italiana l’introduzione della figura del “risk manager”, operatore in grado

 

di ottimizzare il funzionamento dell’ospedale minimizzando i rischi per il

 

paziente e lo spreco per la struttura. Con un possibile risparmio futuro di

 

2,5 miliardi di euro. Tale è infatti l’entità delle oltre 15 mila cause

 

pendenti con richieste di risarcimenti.

 

93.

 

aviaria altri Paesi europei, tra cui Francia ed Austria hanno già

 

provveduto a pianificare l’utilizzo di mascherine e dispositivi di protezione

 

individuale sia con riferimento ai soggetti più esposti per ragioni

 

professionali al rischio di contagio, sia per la popolazione. L’Italia no. Il

 

Ministero della salute ha pensato solo ai vaccini ed ha letteralmente

 

dimenticato di fare provvista dei dispositivi di protezione individuale e

 

delle mascherine. Che ora sono quasi introvabili.

 

 

20

 

Da CONFESERGENTI: http://matera.fimmg.org/Documenti/Sprechisanita2006.pdf

Autonomi ma non troppo. La Sicilia trattiene il 100% delle tasseInternet questo sconosciuto. Un’indagine condotta sui siti web di 334Diffidenza. Secondo uno studio dell’Agenzia per i servizi sanitariImpropri e costosi. Su 70,4 milioni di giornate di degenza negliFavoritismi. E’ in corso una indagine, penale sulla Asl Roma B da cuiIl rischio è il mio mestiere. Il Consorzio universitario per l’ingegneriaBallo in maschera. Nonostante la possibile pandemia da influenza

‘Malati di spreco’

Campagna informativa  per il corretto utilizzo dei Farmaci

OBIETTIVO

Favorire il corretto utilizzo dei farmaci evitandone l’ uso eccessivo, ridurre il loro spreco e verificarne la data di scadenza.

DESCRIZIONE

La Zona Territoriale n. 4 di Senigallia sta realizzando una campagna informativa volta a sensibilizzare la cittadinanza a contenere l’uso dei farmaci limitandosi a quelli necessari. Pertanto i cittadini vengono invitati a rivolgersi alla Farmacia della Zona Territoriale n. 4 (il Lunedì dalle ore 08.00 alle ore 12.00), al proprio medico di base o al farmacista di fiducia, al fine di ottenere le informazioni indispensabili per una corretta gestione dei farmaci e per la  valutazione di eventuali farmaci conservati in casa.

Lo slogan “malati di spreco” sarà presentato in settimana attraverso una conferenza stampa e comunicati stampa sugli organi di informazione locale. La pubblicizzazione dello stesso avverrà anche attraverso la periodica distribuzione di locandine e cartoline informative (nelle farmacie, negli ambulatori dei Medici di Base e in tutte le strutture sanitarie della Zona), l’affissione di manifesti murari nei vari Comuni del comprensorio, nonché l’inserimento di apposito link sul sito internet della Zona.

          

 

      

     

 


 

Prospettive assistenziali, n. 106, aprile-giugno 1994
LA PSICHIATRIA IN ABRUZZO: PREOCCUPANTI CARENZE E NOTEVOLE SPRECO DI DENARO
Con una insistenza che solleva dubbi sulla veridicità, si afferma che, a causa della mancanza di mezzi economici, molti servizi sanitari, sociali e assistenziali, a volte addirittura anche quelli in­dispensabili per la sopravvivenza, non sarebbero in grado di garantire livelli accettabili.
Quanto sopra è sostenuto dalle autorità prepo­ste, dai partiti di maggioranza e, spesso, anche da quelli di minoranza, non solo per emarginare gli anziani malati cronici non autosufficienti, ma anche le persone (vecchi, adulti e giovani) con problemi di natura psichica.
La preoccupante carenza di servizi e il notevo­le spreco di denaro sono confermati dal documento presentato nel settembre 1993 da Sergio Turone, vice-presidente della Commissione di in­chiesta sull’assistenza psichiatrica, istituita dal Consiglio della Regione Abruzzo.
Documento del Consigliere Turone (1)
II sistema di potere politico-amministrativo che fin dalla nascita dell’Istituto Regione ha con­dizionato l’Abruzzo ha trovato nell’organizzazio­ne psichiatrica – vale a dire in quella che do­vrebbe essere l’assistenza ai malati di mente – uno dei canali più massicciamente produttivi di corruzione politica e di arricchimento. Lo sper­pero accertato ammonta – in lire attuali – a oltre mille miliardi. È questa in estrema sintesi la con­clusione cui è giunta la Commissione d’inchie­sta che è stata costituita dal Consiglio regionale alla fine del 1991 e che ha lavorato dai primi mesi del 1992 fino al luglio 1993.
Quantificare lo sperpero – nei casi di cattiva amministrazione e corruttela – è sempre opera­zione ardua, che suggerisce doverosa cautela nella formulazione di cifre; ma la Commissione d’inchiesta – pur fra le molteplici difficoltà in cui ha operato e che sono per esempio testimoniate dai tentativi d’intimidazione e dalle ripetute di­missioni di propri membri, volta a volta sostituiti – è riuscita ad acquisire gli strumenti conoscitivi per una valutazione minimale approssimativa e dimostrabile. Si tratta, a valore costante 1992 del­la lira, di un saccheggio non inferiore ai 1.050 mi­liardi: e tale somma è riferita soltanto al denaro che la Regione ha versato a cliniche private, cui di fatto è stata delegata senza alcun controllo l’assistenza psichiatrica almeno dal 1978 in poi. Siamo consapevoli che in queste vicende il danno sociale è incalcolabilmente superiore al dato aritmetico contabile, sia perché le abissali lacune dell’assistenza psichiatrica pubblica si traducono in sofferenza atroce, che i malati mentali e i loro familiari vivono sulla propria pel­le e che non è misurabile, sia perché gli effetti dell’abuso amministrativo producono in genera­le una sfiducia nelle Istituzioni, costituendo una permanente minaccia per la sopravvivenza stes­sa della democrazia. Abbiamo tuttavia voluto aprire questa relazione con un dato aritmetico, per dimostrare come la Commissione d’inchie­sta abbia proceduto su basi di accertata con­cretezza e di riscontri rigorosamente oggettivi.
Ci sembra pertanto doveroso – pur senza so­pravvalutare il dato aritmetico circoscritto ri­spetto all’assai più lesivo danno sociale – spie­gare subito come è stato possibile giungere alla somma indicata di 1.050 miliardi.
II punto di partenza è un documento ufficiale di provenienza governativa, e più precisamente una lettera che – dopo ripetute richieste da par­te della Commissione – l’Assessorato alla sanità ha scritto alla Commissione stessa in data 2 giu­gno 1993. Nella lettera si parla del rapporto fi­nanziario intercorso fra la Regione e le due clini­che private: Villa Pini e Villa Serena. Si precisa che le suddette case di cura non sono conven­zionate per la lungodegenza psichiatrica e si forniscono i seguenti dati relativi al 1992.
Casa di cura “Villa Pini d’Abruzzo”
1) Pazienti ricoverati da oltre un anno: 350;
2) Spesa per ricoveri sostenuta dalla ULSS di Chieti nell’anno 1992: L. 34.573.914.606;
3) Diaria giornaliera: L. 181.398.
Casa di cura “Villa Serena”
1) Pazienti ricoverati da oltre un anno: 313;
2) Spesa per ricoveri sostenuta dalla ULSS di Pescara nell’anno 1992: L. 35.602.427.904;
3) Diaria giornaliera: L. 175.264.
La prima riflessione che viene spontanea su tali cifre riguarda i pazienti ricoverati da oltre un anno, i quali sono, al di là di ogni dubbio, lungo­degenti. Su questo dunque c’è una prima evi­dentissima illegalità, perché le due cliniche non sono convenzionate per la lungodegenza. Sap­piamo perfettamente che a tale rilievo si può obiettare sostenendo che i malati mentali pur­troppo esistono, che le famiglie non hanno la possibilità di accollarsene il doloroso peso, e che di fatto le cliniche private esercitano un ruo­lo di supplenza rispetto a una struttura pubblica che di fatto, nelle province di Chieti e di Pescara, ha rinunciato per decenni ad esercitare qualsia­si ruolo. Anzi, ha rinunciato addirittura ad esiste­re, perché l’amministrazione regionale ha la­sciato campo libero all’iniziativa privata. Non è un caso che in altre province della nostra regio­ne, per esempio a L’Aquila (dove, nonostante difficoltà e lacune, una struttura pubblica come l’ospedale psichiatrico di Collemaggio funziona bene, grazie all’impegno di medici, paramedici, amministratori e degli stessi malati, stimolati a sviluppare le residue risorse di autonoma intelli­genza) la speculazione privata trovi nel settore psichiatrico solo spazi molto esigui, o non ne trovi affatto.
Ma è bene chiarire fin d’ora che la Commis­sione d’inchiesta – sorta in un ambito politico­amministrativo quale il Consiglio regionale e con compiti d’indagine sulla gestione politica dell’assistenza psichiatrica – non si è neppure posta il problema di esprimere giudizi sull’ope­rato delle cliniche private che dalla situazione hanno tratto vantaggi economici. La logica im­prenditoriale può essere condivisa o combattuta sul piano politico-culturale, ma nessuno può ne­gare che all’imprenditore sia consentito utilizza­re tutti gli spazi di profitto offertigli dal mercato. Se nella vicenda in questione ci sono state vio­lazioni di legge – da parte di amministratori pub­blici come di operatori privati – la Commissione d’inchiesta si rimetterà in proposito al giudizio della magistratura. Fin dall’inizio dell’estate di quest’anno la Commissione – avendo ritenuto che molte delle cose apprese durante le nume­rose audizioni potrebbero costituire “notitia cri­minis” – ha inviato i verbali dei propri lavori alle procure della Repubblica di Chieti, di Pescara e dell’Aquila, perché siano i giudici, se lo ritengo­no, a indagare sugli eventuali contenuti penali di comportamenti su cui la Commissione d’inchie­sta può esprimere ed esprime solo giudizi di condanna politico-amministrativa. Anche il testo della presente relazione sarà inviato alla magi­stratura, a completamento della documentazio­ne che la magistratura stessa ha già ricevuto od acquisito mediante sequestri operati in regione.
Tornando – a conclusione di questo primo paragrafo – alle cifre contenute nella lettera in­viata alla Commissione d’inchiesta il 2 giugno 1993 dall’Assessorato alla sanità, è sufficiente un calcolo elementare per apprendere che i fondi pubblici erogati alle due citate cliniche pri­vate nel 1992 ammontano complessivamente a 70 miliardi più qualche spicciolo. Ora, poiché ta­le sistema vige dal 1978, cioè da 15 anni, non è improprio moltiplicare per 15 la spesa del 1992.
Il risultato della moltiplicazione dà giusto quel­la cifra di 1.050 miliardi che abbiamo fornito al­l’inizio.
Una riflessione, infine sulle diarie. Come ab­biamo visto, la retta giornaliera praticata da Villa Serena per ciascun paziente, nel 1992, è stata di L. 175mi1a e rotti, mentre quella di Villa Pini è stata di 181 mila lire e qualcosa. I malati sono in stragrande maggioranza autosufficienti e docili. Vivono in camerette ben tenute di due-quattro letti, fruiscono di un buon vitto. Se, per ipotesi assurda, le spese potessero essere valutate se­condo criteri alberghieri, una giornata di sog­giorno comporterebbe una diaria ragionevole di 40.000 lire. In più c’è da calcolare però il costo delle terapie, che può variare da caso a caso. Ma quasi tutti i lungodegenti – che costituisco­no la maggioranza dei ricoverati – ricevono pur­troppo solo terapie consistenti nella sommini­strazione di psicofarmaci. Quanto costa una pil­lola di Valium? Alla divisione neuropsichiatrica dell’ospedale Mazzini di Teramo (pubblico) l’uffi­cio di statistica sanitaria della Direzione ha com­pilato una scheda da cui risulta che il costo far­maceutico per giornata di degenza è di duecen­todieci (210) lire.
Teniamo peraltro a ribadire che, se le diarie vigenti lasciano alle cliniche private margini di profitto spropositati, la responsabilità non è tan­to degli imprenditori – che nel cercare il massi­mo guadagno fanno il loro mestiere – quanto dei politici che, negli anni in cui la DC abruzzese e i suoi alleati minori esercitavano su ogni gan­glio della vita pubblica un controllo assoluto, hanno consentito o favorito lo sviluppo di un meccanismo così drammaticamente finalizzato allo sperpero di denaro pubblico.
Se i mille miliardi, perduti in una dissennata gestione il cui risultato è che oggi in Abruzzo i malati mentali sono di fatto lasciati a se stessi o alle disperate famiglie, fossero stati investiti nel­le strutture pubbliche che per legge dovrebbero essere distribuite sul territorio, oggi i malati po­trebbero essere assistiti secondo criteri assai più umani, vivendo nelle famiglie, e trovando nei pressi della propria casa il supporto terapeutico di cui abbisognano per essere seguìti e stimolati a pensare, anziché addormentati con gli psico­farmaci.
Non occorre andare all’estero o nelle regioni ricche del nord-Italia per trovare esperienze te­rapeutiche soddisfacenti nel campo dell’assi­stenza psichiatrica. Basta andare nel Molise, che è una regione più povera della nostra, ma dove, quanto meno nel campo della psichiatria, si sono ottenuti, come la Commissione d’inchie­sta ha accertato mediante utili audizioni, risultati positivi a costi ridotti.
(1) II documento è «una proposta di stesura che il vice­presidente della Commissione offre agli altri Commissari».

 


 

 

 

 

17.  tempi per l’operatività di ospedali o reparti ospedalieri in costruzione è superiore ai diciotto anni.

18.  che in Francia dove vige un rapporto di 1,5 medici di famiglia ogni mille assistiti. Gli italiani inoltre consultano di meno il medico di famiglia: 6,1 visite all’anno per abitante contro il 6,5 degli altri paesi industrializzati.

19.  Gragnano, iniziato a costruire trentenni fa, completato nel 2001, dotato di tutte le attrezzature necessarie, non è stato mai aperto. I lavori iniziati nel 1978, bloccati nel 1980, per mancanza di finanziamenti. Nel 1990, la ripresa dei lavori, ma è tutto da rifare, perché è stata riscontrata la presenza di amianto.

20.  anche un ospedale da tempo afflitto da un fantasma che si aggira in corridoi e sale operatorie: trattasi dell’ospedale Serristori a Figline Valdarno, allocato nella Villa di S. Cerbone, dove vagola lo spettro della duchessa Veronica Cybo. Il fantasma si manifesta volentieri durante i mesi estivi e subito dopo Natale nell’ala di alcuni uffici amministrativi, che per l’occasione vengono chiusi.

21. un grande ospedale, nella pianura di Gioia Tauro. Una struttura mai terminata, che va progressivamente in rovina nonostante sale operatorie perfettamente attrezzate e i molti milioni di euro spesi negli anni.

22. diversità abnormi. Eliminandole ed attestandosi al livello della regione più virtuosa, il Servizio sanitario nazionale potrebbe risparmiare fino a 5 miliardi di euro.

23.  Settanta, avvia i lavori di costruzione, nella pianura di Santa Maria Imbaro (CH) di un ospedale psichiatrico, costato negli anni centinaia di

miliardi di vecchie lire. A trent’anni dall’inizio dei lavori, l’ospedale non è

ancora terminato. Intanto nel 1978 la legge 180 sancì la chiusura

definitiva degli ospedali psichiatrici. Si decise di destinare parte della

struttura all’istituto di ricerca medica e farmacologica Mario Negri di

Milano. Ma gli altri padiglioni restarono inutilizzati. Oggi si parla di

abbattere gli edifici abbandonati e costruire un centro diurno per persone

disabili, tre case famiglia, un laboratorio e un’azienda agricola.

 

9

Nosocomio fantasma Costato 17 miliardi di vecchie lire, l ’ospedale Damocle in ospedale In Italia ogni anno su otto milioni di ricoveri in


ALLA SCUOLA DEL MALATOMESSAGGIO PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MALATO
(Vicenza, Episcopio, 11 febbraio 2006)
Cari amici operatori sanitari e carissimi malati, anche quest’anno, l’11 febbraio, anniversario delle apparizioni della Vergine Maria a Lourdes, siamo invitati a celebrare la Giornata Mondiale del Malato.
Il tema che viene proposto, per riflettere e operare insieme, è molto attuale e profondo. Si tratta di metterci tutti alla scuola del fratello e della sorella ammalati, scoprendo che, mentre hanno bisogno delle cure di tante persone e della comunità, sono loro stesi in grado di donare risorse importanti e ricchezze necessarie alla vita di tutti.
Quando la malattia ci prende nell’intimo del cuore e tocca il nostro corpo, sorgono domande fondamentali: sul perché del dolore e della sofferenza, sul come superarli, su quali speranze fondare la guarigione. La debolezza, la fragilità e l’indigenza di chi si sente, a volte gradualmente, a volte quasi all’improvviso, bisognoso di tutto e di tutti, alla mercè di una situazione che sembrava lontana e comunque rifiutata, suscita alla fine l’interrogativo più radicale sul senso della vita e della morte.
La sofferenza svela chi siamo e quale è, in fondo, il fine di tutta la nostra vita, come il dolore e la morte di Cristo in croce svelano chi egli veramente è e quale è stato il fine per cui ha vissuto, amato e donato se stesso con amore.
Alla luce di Cristo dunque anche la sofferenza e la stessa morte acquistano un significato nuovo e ricco di speranza. Queste realtà tragicamente negative si illuminano di un calore umano e spirituale profondo e possono essere vissute con la più grande serenità e abbandono fiducioso in Dio.
Per chi è accanto al malato, si apre una scuola continua di vita vera e dura, ma anche carica di prospettive positive che aiutano a riscoprire se stessi e il significato più autentico del proprio esistere, lavorare, operare e progettare.
Il confronto con il malato spazza via tutta quella vita irreale e virtuale che si rovescia sulla gente attraverso i mass-media e pone di fronte alla vera vita, quella che, prima o poi, tocca ogni persona di questo mondo e investe valori profondissimi di umanità, di spiritualità, di amore.
Allora il malato, da persona che deve ricevere, diventa persona che può dare, e tanto, per chiunque sa ascoltarlo, accompagnarlo sulla via del dolore e della speranza .
E’ una sfida che non può e non deve restare chiusa nel cuore del malato e dei suoi parenti, degli operatori sanitari e volontari, dentro le case o gli ospedali e case di accoglienza. E’ la comunità intera e la società che devono lasciarsi interrogare e stimolare dall’esperienza del malato sotto diversi aspetti.
1- CHE COSA SI PUÒ DARE IN CAMBIO DELLA PROPRIA VITA?
Che vale una vita?
Tutto il mondo, anzi ancora di più”, risponderebbe Gesù Cristo. Nessuna ricchezza è paragonabile a una vita salvata .
L’esperienza del malato ricorda che la vita va sempre amata e rispettata, curata e accolta in ogni istante e in ogni situazione.
Il malato richiama l’intera comunità a dare segnali concreti di promozione e difesa della vita e a riflettere sulla caducità di essa come realtà esistenziale per ogni persona.
Spesso si apprezza il valore e si scopre la ricchezza delle persone che pure amiamo, proprio nel momento della loro più estrema debolezza. Quando ci si ammala si comprende quanto il darsi da fare e l’affannarsi sia insulso rispetto al dono della vita e, in essa, di valori come il riposo, il tempo libero, l’amicizia, il sorriso, l’amore verso gli altri .
Si parla giustamente di umanizzazione del sistema sanitario.
Ma chiediamoci: come umanizzare il nascere, il soffrire e il morire di ogni singola persona.
E’ umano decidere di sopprimere una vita che pulsa nel grembo di una donna o decidere di interromperla quando cammina inesorabilmente verso la fine ?
Spesso queste scelte estreme sono agevolate da un ambiente che di umano ha molto poco e dove prevale solo l’efficienza o la ricerca della via più facile, meno costosa per la società, meno faticosa per tutti.
Ridare un’anima alla professione sanitaria e all’ambiente, significa accompagnare ogni malato con un’efficace terapia, ma anche e, prima ancora, con un più disteso e ampio prendersi cura e prendersi a cuore.
2- UNA CASA AMICA E’ DOVE DIO ABITA
Si afferma che prevenire è sempre meglio di curare.
La scienza medica cerca di affrontare, con percorsi sempre più appropriati, diagnosi e terapie per debellare le malattie e i risultati sono sorprendenti.
Ma spesso ci si accorge che la causa di tante malattie deriva da una scarsa responsabilità personale e collettiva. Si diffondono stili di vita che portano o estendono il diffondersi di malattie anche gravi.
E’ il sistema delle relazioni umane che viene messo in crisi dall’affannosa corsa all’avere, da una vita convulsa, aggressiva e priva di ideali morali e di “anima”e interiorità.
Tutto ciò crea stress e disagi anche psichici, fa crollare la speranza nei più deboli, stempera la gratuità del dono di se stesso agli altri, rende egoisti e chiusi nel proprio mondo di cose e di beni, gestiti solo in funzione della propria utilità e soddisfazione.
Si perde il senso del limite e della provvisorietà della vita umana, che il malato ci ricorda continuamente e con cui ogni persona è “costretta” in precisi momenti a fare i conti .
La sofferenza apre un varco nell’orgogliosa sicurezza con cui si gestisce la vita e tante false affermazioni di invincibilità crollano e vanno in crisi. E’ il tempo della sosta forzata ma salutare; è il tempo del ricupero di una tensione spirituale per troppo tempo soffocata dentro il cuore.
Può un sistema sanitario tenere conto di tutto questo e aiutare le persone a ricuperare se stessi non solo sul piano della salute fisica,ma anche umana,relazionale e spirituale?
La risposta è negativa se tutto viene considerato sotto il profilo dell’efficienza produttiva propria di un’azienda, per cui la salute è un prodotto, il malato un cliente, l’operatore un dipendente.
La risposta è positiva se si riafferma la centralità delle persone, del malato, di ogni operatore sanitario e si imposta anche l’aspetto economico e gestionale a partire da questo “cuore”. Di conseguenza, la dignità e la promozione di ogni singola persona e la creazione di ambienti ricchi di umanità sono perseguiti come obiettivi primari. E quando c’è posto per l’uomo, c’è posto anche per Dio, perché “la sua gloria è l’uomo vivente”.
Allora, ogni ambiente di sofferenza, ogni struttura di cura e di salute diventa veramente una casa amica, dove la presenza di Dio si fa sentire attraverso relazioni ricche di amore e di fede.
3- VA E ANCHE TU FA LO STESSO
Ogni malato è un testimone di valori profondi e veri di umanità, di comunione e di amore. Va dunque valorizzato e reso cosciente di questo, evangelizzato, perché diventi missionario di amore e di salvezza per tutti.
In Cristo, ogni malato può trovare luce e forza per trasformare il tempo della sofferenza in tempo di grazia e di redenzione, dando senso al dolore, come l’ha dato il Signore alla sua croce. Allora, anche questa fase di prova della vita diventa produttiva di beni inestimabili.
Accanto al malato sono testimoni quanti si adoperano per accompagnarlo nel tempo difficile della malattia e della sofferenza. Come buoni samaritani, medici, infermieri, parenti e volontari, comunità, sono chiamati a intessere una rete che attua i cinque verbi della comunione e solidarietà ricordati da Gesù, nella parabola (Luca 10, 29-37).
compatire insieme “: parole consolatorie o invito alla rassegnazione non servono: occorre con-soffrire insieme, partecipare alla condizione del malato. Di questo egli sente la necessità e comprende quando chi lo avvicina lo fa con sentimenti sinceri e profondi di condivisione .
farsi vicino”: non aver paura di toccare il malato e di instaurare un rapporto sanante, fatto di gesti, di dialogo sereno e coinvolgente, di prossimità ricca di sguardi, amorevolezza, sintonia di cuori che si incontrano.
fasciare le “ferite”: promuovereun servizio efficace e competente, sempre pronto a rispondere ai bisogni che la malattia comporta, quelli fisici e quelli morali e spirituali, perchè anche queste ferite sono parte integrante della malattia.
prendersi cura: senza fretta e con continuità. L’esigenza di limitare al massimo i costi della sanità non deve andare a discapito del tempo che occorre per sanare e curare nel modo migliore .
Lo stesso va detto per le visite ai malati nelle case da parte dei sacerdoti e ministri ausiliari dell’Eucaristia: il tempo dedicato a questi incontri è tanto più produttivo di grazia quanto è più attento alle esigenze di ascolto e di compagnia di cui il malato necessita.
pagare un prezzo”oltre”il dovuto: le risorse umane e finanziarie nel campo della sanità e della cura della salute appaiono sempre molto alte e per questo si tende a ridurle, ottimizzando meglio i servizi e le prestazioni.
Combattere lo spreco e lo sciupìo di risorse, a volte orientate su binari morti rispetto alle vere esigenze del malato e del personale sanitario, è un dovere primario di ogni dirigenza e persona responsabile. Altra cosa è invece mettere al primo posto la questione del bilancio da far quadrare ad ogni costo, a scapito di un servizio di qualità e di attenta cura di ogni singola persona.
Scaricare sulle famiglie un prezzo alto e, a volte insostenibile, non è giusto. I costi sociali della cura della malattia vanno considerati priorità che non possono essere disattese ed esigono, da parte di tutta la collettività, un rilevante e adeguato investimento di risorse e di sacrificio, se necessario.
va e anche tu fa lo stesso : l’invito, con cui Gesù termina la parabola del buon samaritano, risuoni nel cuore nell’impegno di ogni operatore sanitario e di ogni comunità cristiana e civile.
Le parrocchie in particolare considerino la cura dei malati come via privilegiata di evangelizzazione anche delle famiglie e suscitino in tutti quella necessaria attenzione e disponibilità a farsi carico della loro condizione di vita.
Colgano in ogni persona malata un segno di grazia e di salvezza per tutti, mettendosi alla sua scuola per imparare a impostare la vita sui valori del Vangelo: povertà, umiltà, pazienza nella prova, amore fraterno.
Aiutino anche la società a superare l’idea che il malato è solo “un peso”, dati i costi che comporta, quando invece è anche una risorsa di bene immenso e contribuisce a dare all’intera vita comunitaria la giusta direzione, per valorizzare i più importanti e indispensabili beni morali e spirituali di cui ha estremo bisogno.
C’E’ UN TEMPO….
C’è un tempo per gioire e uno per soffrire.
Uno per stare bene e uno per stare male, uno per vivere e uno per morire ..
Ogni tempo è preziosa scuola di vita e apre a Dio sommo bene, felicità e vita      per sempre.
Al di sopra di tutto c’è l’amore che tutto sopporta e tutto copre, scusa, offre e     spera.
Ci sono momenti in cui le cure mediche, le medicine, le terapie e ogni assistenza sembrano palliativi limitati e incompleti: solo l’amore li rende efficaci.
L’amore si fa vicino a chi soffre e ne porta il peso.
L’amore dona coraggio e speranza con segni e gesti e non solo paro          le.
L’amore conduce ad accettare la propria condizione offrendola a Cristo che per amore ha sofferto per noi.
L’amore fa sì che ci si abbandoni alla provvidenza di Dio e alla sua volontà con           fiducia.
L’amore apre all’incontro e al dialogo fatto di sentimenti, di sguardi, di strette di mano, di cura serena e forte anche negli ultimi istanti della morte .
Tutto passa, anche la vita, ma l’amore dato e ricevuto dura in eterno.
+ Cesare Nosiglia

3.399 Risposte a “Malati di spreco”

  1. wow power leveling

    WoW power leveling is our primary service! 5 Years Leading wow power level service. Buy fast wow powerleveling from NeverBan

  2. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated information, nevertheless genuinely really worth taking a search, whoa did a single master about Mid East has got much more problerms as well […]

  3. Title

    […]Every once inside a when we choose blogs that we read. Listed beneath would be the newest web sites that we decide on […]

  4. swtor po

    My SWTOR; Store; Community; Support; News; Media; Game Overview; Game Setting; Elder Game Guide; New Player Guide; Digital Expansions; Game Updates; Legacy

  5. Title

    […]always a large fan of linking to bloggers that I adore but really don’t get a good deal of link really like from[…]

  6. Title

    […]just beneath, are several absolutely not related websites to ours, even so, they are certainly worth going over[…]

  7. Title

    […]just beneath, are a lot of entirely not connected websites to ours, nonetheless, they may be surely really worth going over[…]

  8. Title

    […]check beneath, are some completely unrelated web sites to ours, even so, they are most trustworthy sources that we use[…]

  9. Create Website with Dreamweaver

    Many people nonetheless confuse even though build their website utilizing dreamveaver. Numerous case in point and also Tutorials regarding how dreamweaver functions too few to assist them to. I understand many people awaiting dreamweaver book

  10. Title

    […]that may be the finish of this post. Right here you will uncover some internet sites that we consider you’ll enjoy, just click the links over[…]

  11. […]we came across a cool site that you just may well love. Take a search in case you want[…]

    […]please visit the web pages we adhere to, such as this one, as it represents our picks from the web[…]

  12. Title

    […]check below, are some entirely unrelated sites to ours, having said that, they are most trustworthy sources that we use[…]

  13. Fishy Pern

    This web site is really a stroll-by for all the information you wanted about this and didn’t know who to ask. Glimpse here, and you’ll positively discover it.

  14. Title

    […]always a huge fan of linking to bloggers that I really like but really don’t get quite a bit of link love from[…]

  15. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated information, nevertheless definitely worth taking a search, whoa did 1 learn about Mid East has got more problerms as well […]

  16. Title

    […]Every as soon as inside a though we decide on blogs that we study. Listed beneath are the newest web pages that we pick […]

  17. sports picks

    […]that may be the end of this article. Here you’ll discover some websites that we think you’ll enjoy, just click the hyperlinks over[…]

  18. Title

    […]that may be the finish of this post. Right here you’ll obtain some web-sites that we think you’ll appreciate, just click the links over[…]

  19. Title

    […]very handful of websites that occur to be detailed below, from our point of view are undoubtedly nicely worth checking out[…]

  20. Title

    […]we like to honor a lot of other web web-sites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Below are some webpages worth checking out[…]

  21. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated information, nonetheless really really worth taking a appear, whoa did 1 learn about Mid East has got extra problerms too […]

  22. Andie Belfro

    After I originally commented I clicked the -Notify me when new feedback are added- checkbox and now every time a remark is added I get 4 emails with the identical comment. Is there any means you’ll be able to remove me from that service? Thanks!

  23. Title

    […]Every the moment inside a while we decide on blogs that we study. Listed below would be the latest web sites that we select […]

  24. Title

    […]Every as soon as in a when we pick out blogs that we read. Listed below are the latest internet sites that we select […]

  25. Title

    […]that is the finish of this article. Right here you’ll locate some web-sites that we consider you will value, just click the hyperlinks over[…]

  26. Title

    […]the time to read or go to the material or internet sites we have linked to below the[…]

  27. Title

    […]just beneath, are many completely not connected web sites to ours, nevertheless, they may be certainly worth going over[…]

  28. Andie Belfro

    After I initially commented I clicked the -Notify me when new comments are added- checkbox and now each time a remark is added I get four emails with the same comment. Is there any method you may take away me from that service? Thanks!

  29. Title

    […]that will be the end of this article. Right here you will find some internet sites that we feel you’ll enjoy, just click the hyperlinks over[…]

  30. Title

    […]Every after inside a when we choose blogs that we read. Listed beneath would be the most recent sites that we pick […]

  31. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a number of unrelated information, nonetheless genuinely worth taking a look, whoa did one particular discover about Mid East has got additional problerms also […]

  32. […]always a huge fan of linking to bloggers that I love but don’t get lots of link appreciate from[…]

    […]just beneath, are a lot of entirely not related web pages to ours, on the other hand, they are surely really worth going over[…]

  33. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]

  34. […]that may be the end of this write-up. Right here you’ll locate some web-sites that we assume you will enjoy, just click the hyperlinks over[…]

    […]Every once inside a whilst we decide on blogs that we study. Listed below are the newest web-sites that we choose […]

  35. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]

  36. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a couple of unrelated information, nonetheless really really worth taking a appear, whoa did 1 find out about Mid East has got far more problerms at the same time […]

  37. Safe Power Leveling und Gold

    Ich weiß nicht, was ich hätte hätte getan, wenn ich nicht gestoßen ein solcher stuff wie diese.

  38. Title

    […]we prefer to honor many other net internet sites around the internet, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages really worth checking out[…]

  39. Title

    […]check below, are some totally unrelated internet websites to ours, even so, they may be most trustworthy sources that we use[…]

  40. Kloubní výživa, doplňky stravy, potravinové doplňky, Dacom Pharma, Dacom, doplňky stravy dacom, potravinové doplňky

    bakterie a enzymy pro domácnost. Bakterie do žumpy, septiků, jezírek a čističek. Ekologické přípravky pro rozklad organické hmoty,subio,subio eko,subio s.r.o.,sannitree,bakterie a enzymy

  41. Title

    […]just beneath, are many entirely not related web-sites to ours, having said that, they’re surely worth going over[…]

  42. […]that will be the end of this write-up. Here you will locate some sites that we consider you’ll value, just click the hyperlinks over[…]

    […]Every as soon as in a while we choose blogs that we study. Listed below would be the most up-to-date websites that we pick […]

  43. Title

    […]that will be the end of this report. Here you’ll come across some web sites that we assume you’ll enjoy, just click the links over[…]

  44. Title

    […]check beneath, are some totally unrelated internet websites to ours, on the other hand, they are most trustworthy sources that we use[…]

  45. Title

    […]although internet websites we backlink to beneath are considerably not related to ours, we feel they’re truly really worth a go by, so have a look[…]

  46. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a couple of unrelated information, nevertheless really really worth taking a look, whoa did one study about Mid East has got a lot more problerms also […]

  47. Title

    […]below you will discover the link to some web-sites that we think you’ll want to visit[…]

  48. […]very few websites that occur to become comprehensive beneath, from our point of view are undoubtedly nicely really worth checking out[…]

    […]Here is an excellent Blog You may Obtain Exciting that we Encourage You[…]

  49. […]very few websites that occur to become comprehensive beneath, from our point of view are undoubtedly nicely really worth checking out[…]

    […]Here is an excellent Blog You may Obtain Exciting that we Encourage You[…]

  50. […]we prefer to honor several other net internet sites on the net, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advise for our visitors[…]

  51. […]always a major fan of linking to bloggers that I enjoy but don’t get quite a bit of link really like from[…]

    […]just beneath, are several completely not related web-sites to ours, on the other hand, they may be certainly really worth going over[…]

  52. Kloubní výživa, doplňky stravy, potravinové doplňky, Dacom Pharma, Dacom, doplňky stravy dacom, potravinové doplňky

    Kloubní výživa, doplňky stravy, potravinové doplňky, Dacom Pharma, Dacom, doplňky stravy dacom, potravinové doplňky

  53. safe power leveling and gold

    I feel pretty happy to have encountered the webpage and look forward to plenty of more amazing minutes reading here

  54. Title

    […]although web sites we backlink to below are considerably not associated to ours, we really feel they may be essentially really worth a go via, so possess a look[…]

  55. Title

    […]we prefer to honor quite a few other world wide web web sites on the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages really worth checking out[…]

  56. Title

    […]always a major fan of linking to bloggers that I adore but don’t get quite a bit of link like from[…]

  57. Title

    […]that may be the finish of this report. Right here you will locate some web-sites that we consider you’ll enjoy, just click the hyperlinks over[…]

  58. Title

    […]just beneath, are several entirely not related web-sites to ours, nevertheless, they may be certainly really worth going over[…]

  59. Title

    […]very couple of internet sites that occur to be comprehensive below, from our point of view are undoubtedly properly really worth checking out[…]

  60. TrackBack

    I actually wanted to write a brief comment to be able to say thanks to you for some of the nice suggestions you are writing at this site. My particularly long internet lookup has finally been paid with really good ideas to talk about with my family. I…

  61. Looking around

    I like to browse around the internet, regularly I will go to Digg and read and check stuff out

  62. Fishy Pern

    This website is really a stroll-by means of for all of the info you wanted about this and didn’t know who to ask. Glimpse here, and also you’ll definitely uncover it.

  63. Title

    […]we prefer to honor lots of other internet internet sites on the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages really worth checking out[…]

  64. Title

    […]although internet sites we backlink to below are considerably not associated to ours, we really feel they’re essentially worth a go by way of, so have a look[…]

  65. […]that will be the end of this write-up. Here you will locate some sites that we consider you’ll value, just click the hyperlinks over[…]

    […]Every as soon as in a while we choose blogs that we study. Listed below would be the most up-to-date websites that we pick […]

  66. […]very few websites that occur to become comprehensive beneath, from our point of view are undoubtedly nicely really worth checking out[…]

    […]Here is an excellent Blog You may Obtain Exciting that we Encourage You[…]

  67. Title

    […]The data mentioned inside the write-up are a number of the most effective offered […]

  68. Title

    […]check below, are some totally unrelated internet websites to ours, having said that, they are most trustworthy sources that we use[…]

  69. Title

    […]we prefer to honor quite a few other world-wide-web web-sites on the net, even when they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages really worth checking out[…]

  70. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a handful of unrelated data, nonetheless truly worth taking a search, whoa did a single master about Mid East has got far more problerms too […]

  71. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated data, nonetheless truly worth taking a look, whoa did a single find out about Mid East has got extra problerms too […]

  72. Title

    […]we like to honor many other internet internet sites around the web, even when they aren’t linked to us, by linking to them. Below are some webpages worth checking out[…]

  73. water ionizer review

    […]although sites we backlink to below are considerably not associated to ours, we really feel they are essentially really worth a go by means of, so have a look[…]

  74. Title

    […]very couple of internet sites that occur to become in depth beneath, from our point of view are undoubtedly nicely worth checking out[…]

  75. […]we prefer to honor numerous other internet websites on the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the sites we recommend for our visitors[…]

  76. […]The information and facts talked about inside the article are some of the ideal out there […]

    […]below you will come across the link to some web-sites that we consider you must visit[…]

  77. Title

    […]although internet websites we backlink to below are considerably not related to ours, we really feel they are in fact worth a go by, so have a look[…]

  78. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a couple of unrelated information, nevertheless actually really worth taking a look, whoa did one particular discover about Mid East has got more problerms at the same time […]

  79. Title

    […]very couple of internet websites that happen to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly well worth checking out[…]

  80. […]we prefer to honor several other net internet sites on the net, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advise for our visitors[…]

  81. Title

    […]although internet websites we backlink to below are considerably not associated to ours, we feel they are really really worth a go by, so have a look[…]

  82. Title

    […]here are some links to websites that we link to because we assume they’re worth visiting[…]

  83. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]

  84. Title

    […]we came across a cool web-site that you just may well take pleasure in. Take a search when you want[…]

  85. Title

    […]although websites we backlink to beneath are considerably not related to ours, we feel they may be truly worth a go via, so have a look[…]

  86. Title

    […]very handful of web sites that occur to be comprehensive beneath, from our point of view are undoubtedly effectively worth checking out[…]

  87. Title

    […]very handful of internet websites that come about to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly effectively worth checking out[…]

  88. Title

    […]please stop by the web pages we comply with, including this one, because it represents our picks in the web[…]

  89. […]we prefer to honor several other net internet sites on the net, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advise for our visitors[…]

  90. […]that will be the end of this write-up. Here you will locate some sites that we consider you’ll value, just click the hyperlinks over[…]

    […]Every as soon as in a while we choose blogs that we study. Listed below would be the most up-to-date websites that we pick […]

  91. Title

    […]check beneath, are some totally unrelated websites to ours, however, they may be most trustworthy sources that we use[…]

  92. […]Wonderful story, reckoned we could combine a number of unrelated information, nevertheless truly worth taking a search, whoa did one particular study about Mid East has got far more problerms too […]

    […]although web-sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they’re essentially worth a go through, so have a look[…]

  93. […]very few websites that happen to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly nicely really worth checking out[…]

    […]Here is a good Weblog You may Find Exciting that we Encourage You[…]

  94. hcg diet online

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated data, nevertheless seriously really worth taking a appear, whoa did a single master about Mid East has got additional problerms as well […]

  95. Title

    […]we like to honor a lot of other world-wide-web web-sites on the internet, even when they aren’t linked to us, by linking to them. Below are some webpages worth checking out[…]

  96. Title

    […]very few internet websites that happen to become detailed below, from our point of view are undoubtedly effectively really worth checking out[…]

  97. Title

    […]although internet sites we backlink to below are considerably not associated to ours, we really feel they are in fact really worth a go through, so possess a look[…]

  98. Title

    […]we like to honor quite a few other online web sites on the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Beneath are some webpages worth checking out[…]

  99. Title

    […]we like to honor quite a few other world wide web sites around the web, even when they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

  100. Title

    […]Every after inside a even though we decide on blogs that we read. Listed below are the newest websites that we select […]

  101. Title

    […]here are some links to web pages that we link to simply because we feel they’re really worth visiting[…]

  102. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated information, nevertheless truly really worth taking a look, whoa did one learn about Mid East has got extra problerms as well […]

  103. Title

    […]although web sites we backlink to below are considerably not related to ours, we feel they’re really worth a go by, so possess a look[…]

  104. […]Wonderful story, reckoned we could combine a number of unrelated information, nevertheless truly worth taking a search, whoa did one particular study about Mid East has got far more problerms too […]

    […]although web-sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they’re essentially worth a go through, so have a look[…]

  105. […]that could be the finish of this article. Right here you will come across some internet sites that we feel you’ll appreciate, just click the links over[…]

    […]Every once in a while we opt for blogs that we study. Listed beneath would be the most recent internet sites that we pick out […]

  106. […]The information and facts talked about inside the article are some of the ideal out there […]

    […]below you will come across the link to some web-sites that we consider you must visit[…]

  107. Title

    […]very handful of internet websites that come about to be comprehensive below, from our point of view are undoubtedly effectively really worth checking out[…]

  108. Title

    […]although internet sites we backlink to beneath are considerably not related to ours, we feel they may be essentially worth a go as a result of, so have a look[…]

  109. Title

    […]we prefer to honor quite a few other online websites around the internet, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages really worth checking out[…]

  110. Title

    […]we like to honor lots of other online web-sites on the net, even when they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

  111. Title

    […]very couple of web-sites that take place to be in depth below, from our point of view are undoubtedly nicely worth checking out[…]

  112. Looking around

    I like to surf in various places on the web, regularly I will just go to Digg and read and check stuff out

  113. Title

    […]that will be the finish of this article. Right here you will locate some web-sites that we think you’ll appreciate, just click the links over[…]

  114. Title

    […]we like to honor several other web web pages around the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]

  115. Title

    […]we like to honor quite a few other online sites around the internet, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages really worth checking out[…]

  116. […]The information talked about within the report are a number of the very best offered […]

    […]below you’ll uncover the link to some internet sites that we believe you should visit[…]

  117. Title

    […]here are some hyperlinks to web pages that we link to because we consider they are worth visiting[…]

  118. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a handful of unrelated data, nevertheless seriously worth taking a look, whoa did 1 find out about Mid East has got additional problerms as well […]

  119. Title

    […]check below, are some completely unrelated websites to ours, having said that, they’re most trustworthy sources that we use[…]

  120. Safe Power Leveling und Gold

    Ich fühle mich extrem wirklich Glück haben gesehen Ihre Webseiten und freuen uns auf viele wirklich mehr Momente Lesen Sie hier weiter

  121. rift platinum

    Fast RIFT platinum for sale: $1 exchanges thousands gold. All PLAT, power leveling, CD key and time cards never delay. Your all in one solution for RIFT life

  122. vlaknina,super antioxidant,kosmeticka sada,kosmeticka sada pro muze,kosmeticka sada magnetic,sprchovy gel s vuni magnetic,sprchovy gel,miss medikal,denní aktivni krem proti vraskam,denni aktivni krem,nocni aktivni krem proti vraskam,nocni aktivni kre…

    vlaknina,super antioxidant,kosmeticka sada,kosmeticka sada pro muze,kosmeticka sada magnetic,sprchovy gel s vuni magnetic,sprchovy gel,miss medikal,denní aktivni krem proti vraskam,denni aktivni krem,nocni aktivni krem proti vraskam,nocni aktivni krem,…

  123. wow power leveling

    WoW power leveling is our primary service! 5 Years Leading wow power level service. Buy fast wow powerleveling from NeverBan

  124. Hey! I could have sworn I’ve been to this site before but after reading through some
    of the post I realized it’s new to me. Nonetheless, I’m definitely
    happy I found it and I’ll be book-marking and checking back frequently!

  125. dezinfekcni prostredek,dezinfekcni prostredky,dezinfekcni pripravek,dezinfekcni pripravky,chytra dezinfekce,bezpecna dezinfekce,sirokospektralni dezinfekce,setrna dezinfekce,kvalitni dezinfekce,ucinna dezinfekce,praskova dezinfekce,dezinfekce aktivni…

    dezinfekcni prostredek,dezinfekcni prostredky,dezinfekcni pripravek,dezinfekcni pripravky,chytra dezinfekce,bezpecna dezinfekce,sirokospektralni dezinfekce,setrna dezinfekce,kvalitni dezinfekce,ucinna dezinfekce,praskova dezinfekce,dezinfekce aktivni k…

  126. Title

    […]that may be the end of this post. Here you’ll find some web pages that we feel you’ll value, just click the links over[…]

  127. […]always a massive fan of linking to bloggers that I adore but really don’t get a lot of link love from[…]

    […]just beneath, are quite a few totally not connected web pages to ours, however, they are surely worth going over[…]

  128. Title

    […]just beneath, are a lot of entirely not related web pages to ours, having said that, they’re certainly worth going over[…]

  129. Great Content

    we like to honor many other internet pages on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  130. Title

    […]that may be the end of this write-up. Right here you will discover some internet sites that we consider you’ll value, just click the links over[…]

  131. Thanks a lot for sharing this with all people you really understand what you’re speaking about!

    Bookmarked. Please additionally visit my web site =).
    We can have a link trade arrangement between us

  132. Title

    […]Every when inside a when we pick blogs that we study. Listed below are the most current web sites that we choose […]

  133. Title

    […]just beneath, are many totally not connected websites to ours, even so, they are surely really worth going over[…]

  134. Title

    […]although web-sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they are really worth a go by way of, so possess a look[…]

  135. […]always a major fan of linking to bloggers that I enjoy but don’t get quite a bit of link really like from[…]

    […]just beneath, are several completely not related web-sites to ours, on the other hand, they may be certainly really worth going over[…]

  136. Title

    […]we came across a cool web site that you just could possibly appreciate. Take a appear in case you want[…]

  137. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine some unrelated information, nonetheless seriously really worth taking a appear, whoa did one discover about Mid East has got extra problerms at the same time […]

  138. Read More

    After study a few of the blog posts on your website now, and I truly like your way of blogging. I bookmarked it to my bookmark website list and will be checking back soon. Pls check out my web site as well and let me know what you think.

  139. Great Content

    we like to honor many other web pages on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  140. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated information, nevertheless really worth taking a appear, whoa did one particular learn about Mid East has got far more problerms too […]

  141. […]Wonderful story, reckoned we could combine a number of unrelated information, nevertheless truly worth taking a search, whoa did one particular study about Mid East has got far more problerms too […]

    […]although web-sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they’re essentially worth a go through, so have a look[…]

  142. lékárenství, zdravé výživy a výroby speciálních potravin, med,medovina,propolis,výrobky z medu,sirupy, kvalitní medovina, dr. Bojda, přírodní medovina,

    lékárenství, zdravé výživy a výroby speciálních potravin, med,medovina,propolis,výrobky z medu,sirupy, kvalitní medovina, dr. Bojda, přírodní medovina,

  143. […]check below, are some absolutely unrelated sites to ours, even so, they are most trustworthy sources that we use[…]

    […]one of our guests recently encouraged the following website[…]

  144. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]

  145. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a couple of unrelated information, nevertheless seriously worth taking a search, whoa did 1 learn about Mid East has got a lot more problerms too […]

  146. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine several unrelated data, nonetheless genuinely worth taking a search, whoa did a single understand about Mid East has got extra problerms as well […]

  147. Title

    […]although internet sites we backlink to below are considerably not related to ours, we feel they’re actually worth a go by means of, so have a look[…]

  148. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated information, nevertheless really really worth taking a look, whoa did a single find out about Mid East has got additional problerms at the same time […]

  149. kotle, univerzální, kotle, pece, automatické kotle,Kotle-Witkowski,kotle na-hodiny, kotle se a šnekovým podavačem, kotle s pístovým podavačem,ovladače, řídící jednotky,univerzální kotle, levné kotle, kvalitní kotle, kotle ze zárukou,

    kotle, univerzální, kotle, pece, automatické kotle,Kotle-Witkowski,kotle na-hodiny, kotle se a šnekovým podavačem, kotle s pístovým podavačem,ovladače, řídící jednotky,univerzální kotle, levné kotle, kvalitní kotle, kotle ze zárukou,

  150. Bakterie a enzymy, užitečné bakterie a enzymy pro domácnost. Bakterie do žumpy, septiků, jezírek a čističek. Ekologické přípravky pro rozklad organické hmoty,subio,subio eko,subio s.r.o.,sannitree,bakterie a enzymy

    Bakterie a enzymy, užitečné bakterie a enzymy pro domácnost. Bakterie do žumpy, septiků, jezírek a čističek. Ekologické přípravky pro rozklad organické hmoty,subio,subio eko,subio s.r.o.,sannitree,bakterie a enzymy

  151. rift platinum

    Fast RIFT platinum for sale: $1 exchanges thousands gold. All PLAT, power leveling, CD key and time cards never delay. Your all in one solution for RIFT life

  152. safe power leveling and gold

    we can provide that power leveling faster and safe ,welcome to place order on our website

  153. Title

    […]Every once inside a even though we pick out blogs that we read. Listed below would be the newest websites that we select […]

  154. Websites we think you should visit

    we like to honor many other internet sites on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  155. Title

    […]very handful of web sites that take place to become comprehensive beneath, from our point of view are undoubtedly very well really worth checking out[…]

  156. […]very couple of sites that transpire to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly effectively worth checking out[…]

    […]Here is a superb Blog You may Locate Intriguing that we Encourage You[…]

  157. […]that could be the finish of this article. Right here you will come across some internet sites that we feel you’ll appreciate, just click the links over[…]

    […]Every once in a while we opt for blogs that we study. Listed beneath would be the most recent internet sites that we pick out […]

  158. […]that may be the end of this write-up. Right here you’ll locate some web-sites that we assume you will enjoy, just click the hyperlinks over[…]

    […]Every once inside a whilst we decide on blogs that we study. Listed below are the newest web-sites that we choose […]

  159. […]The information and facts talked about inside the article are some of the ideal out there […]

    […]below you will come across the link to some web-sites that we consider you must visit[…]

  160. Title

    […]please visit the internet sites we adhere to, including this 1, as it represents our picks through the web[…]

  161. Title

    […]we prefer to honor lots of other world-wide-web sites on the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Beneath are some webpages worth checking out[…]

  162. knitted hats

    […]always a massive fan of linking to bloggers that I adore but don’t get quite a bit of link appreciate from[…]

  163. Great Content

    we like to honor many other internet pages on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  164. rift platinum

    Fast RIFT platinum for sale: $1 exchanges thousands gold. All PLAT, power leveling, CD key and time cards never delay. Your all in one solution for RIFT life

  165. […]the time to read or visit the material or websites we have linked to below the[…]

    […]here are some links to sites that we link to for the reason that we consider they’re worth visiting[…]

  166. […]The information talked about within the report are a number of the very best offered […]

    […]below you’ll uncover the link to some internet sites that we believe you should visit[…]

  167. Title

    […]here are some links to web-sites that we link to mainly because we think they may be really worth visiting[…]

  168. Great Content

    we like to honor many different web pages on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  169. WoW Power Leveling

    WoW Power Leveling ist unser oberstes Service! 5 Jahre Führende WoW Power Level-Service. Kaufen Sie schnell WoW Powerleveling von NeverBan

  170. Great Content

    we like to honor many different web pages on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  171. Websites we think you should visit

    we like to honor many other internet sites on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out

  172. Title

    […]Wonderful story, reckoned we could combine a number of unrelated data, nevertheless genuinely really worth taking a look, whoa did one particular master about Mid East has got extra problerms too […]

  173. safe power leveling and gold

    I feel pretty happy to have used your web pages and look forward to tons of more amazing times reading here

  174. safe power leveling and gold

    I feel pretty happy to have discovered your website page and look forward to so many more awesome times reading here

  175. Title

    […]although sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they are essentially really worth a go as a result of, so have a look[…]

  176. Should the Aaron Rodgers Swap Jake Long for Greg Jennings?
    Moses Tay not only failed his duty to hold alongside
    Joe Allen and a natural inclination to advance. Like the
    Giants, was claimed off waivers by the Carolina Panthers Swipe Wes Welker for Cam Newton?
    Props to Harvard Baseball for the original idea. Should Ryan Tannehill Push the
    Aaron Rodgers Towards Greg Jennings? Her remains are kept inside a statue which
    is lying down beneath the altar. Could the Aaron Rodgers Nab Greg Jennings
    and Percy Harvin?

  177. Brees then responded by marching the michael kors handbags 63 yards in an 11-play drive that ate 4:16 off the clock.

  178. Title…

    […]please take a look at the websites we comply with, like this one particular, because it represents our picks in the web[…]…

  179. […]Sites of interest we have a link to[…]…

    […]usually posts some pretty fascinating stuff like this. If you’re new to this site[…]…

  180. […]always a major fan of linking to bloggers that I enjoy but don’t get quite a bit of link really like from[…]…

    […]just beneath, are several completely not related web-sites to ours, on the other hand, they may be certainly really worth going over[…]…

  181. […]very couple of sites that transpire to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly effectively worth checking out[…]…

    […]Here is a superb Blog You may Locate Intriguing that we Encourage You[…]…

  182. […]we prefer to honor numerous other internet websites on the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]…

    […]Here are some of the sites we recommend for our visitors[…]…

  183. Websites you should visit…

    Every once in a while we choose blogs that we read. Listed below are the latest sites that we choose…

  184. Trackback…

    […]I have recently started a web site, the info you offer on this website has helped me greatly. Thanks for all of your time…

  185. power leveling sûr et or…

    Je me sens extrêmement assez lucky utilisé votre pages web et j’ai hâte de beaucoup d’ plus moments fois à lire ici…

  186. tera gold…

    Buy WoW Gold cheap at TERS4SALE.Get The Best Deals On Tera Gold,Rift Gold,WoW Gold From The Largest MMORPG Virtual Trading Network,We Offer You The Best Gold…

  187. Title…

    […]here are some links to sites that we link to simply because we believe they are worth visiting[…]…

  188. Title…

    […]check beneath, are some absolutely unrelated sites to ours, even so, they’re most trustworthy sources that we use[…]…

  189. Title…

    […]we like to honor lots of other internet websites around the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Beneath are some webpages really worth checking out[…]…

  190. […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated data, nonetheless really really worth taking a search, whoa did a single find out about Mid East has got much more problerms too […]…

    […]although sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they may be in fact worth a go via, so possess a look[…]…

  191. […]we came across a cool internet site that you simply may possibly get pleasure from. Take a appear in case you want[…]…

    […]please pay a visit to the web-sites we stick to, such as this 1, as it represents our picks from the web[…]…

  192. […]that could be the finish of this article. Right here you will come across some internet sites that we feel you’ll appreciate, just click the links over[…]…

    […]Every once in a while we opt for blogs that we study. Listed beneath would be the most recent internet sites that we pick out […]…

  193. […]very couple of sites that transpire to be in depth beneath, from our point of view are undoubtedly effectively worth checking out[…]…

    […]Here is a superb Blog You may Locate Intriguing that we Encourage You[…]…

  194. […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated data, nonetheless really really worth taking a search, whoa did a single find out about Mid East has got much more problerms too […]…

    […]although sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they may be in fact worth a go via, so possess a look[…]…

  195. mark barran…

    May I simply say what a relief to discover somebody who truly knows what they’re talking about on the web. You certainly understand how to bring a problem to light and make it important. More people should read this and understand this side of your st…

  196. Great Content…

    we like to honor many other web sites on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out…

  197. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]…

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]…

  198. […]Sites of interest we’ve a link to[…]…

    […]usually posts some really interesting stuff like this. If you are new to this site[…]…

  199. […]we came across a cool internet site that you simply may possibly get pleasure from. Take a appear in case you want[…]…

    […]please pay a visit to the web-sites we stick to, such as this 1, as it represents our picks from the web[…]…

  200. […]we prefer to honor several other net internet sites on the net, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]…

    […]Here are some of the web sites we advise for our visitors[…]…

  201. Looking around…

    I like to look in various places on the online world, regularly I will just go to Stumble Upon and follow thru…

  202. […]that will be the end of this write-up. Here you will locate some sites that we consider you’ll value, just click the hyperlinks over[…]…

    […]Every as soon as in a while we choose blogs that we study. Listed below would be the most up-to-date websites that we pick […]…

  203. […]we prefer to honor numerous other web websites around the net, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[…]…

    […]Here are some of the web sites we advocate for our visitors[…]…

  204. […]check below, are some absolutely unrelated sites to ours, even so, they are most trustworthy sources that we use[…]…

    […]one of our guests recently encouraged the following website[…]…

  205. Title…

    […]we prefer to honor numerous other world wide web web sites on the web, even though they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages really worth checking out[…]…

  206. […]the time to study or stop by the content material or web pages we’ve linked to beneath the[…]…

    […]here are some hyperlinks to web pages that we link to since we feel they are really worth visiting[…]…

  207. […]check below, are some absolutely unrelated sites to ours, even so, they are most trustworthy sources that we use[…]…

    […]one of our guests recently encouraged the following website[…]…

  208. […]always a massive fan of linking to bloggers that I adore but really don’t get a lot of link love from[…]…

    […]just beneath, are quite a few totally not connected web pages to ours, however, they are surely worth going over[…]…

  209. […]always a major fan of linking to bloggers that I enjoy but don’t get quite a bit of link really like from[…]…

    […]just beneath, are several completely not related web-sites to ours, on the other hand, they may be certainly really worth going over[…]…

  210. […]Wonderful story, reckoned we could combine a few unrelated data, nonetheless really really worth taking a search, whoa did a single find out about Mid East has got much more problerms too […]…

    […]although sites we backlink to beneath are considerably not associated to ours, we really feel they may be in fact worth a go via, so possess a look[…]…

  211. Title…

    […]that may be the finish of this write-up. Right here you will come across some web-sites that we feel you will value, just click the links over[…]…

  212. […]check below, are some totally unrelated internet websites to ours, nonetheless, they’re most trustworthy sources that we use[…]…

    […]one of our visitors a short while ago proposed the following website[…]…

  213. But the good part about Twitter is that you don’t need to be
    a multi-billion dollar corporation to build your own brand.
    If you are not a celebrity than you might
    know how hard it’s for us to get followers into our account and after getting followers if you
    don’t provide any response to your follower generally he will
    remove you from his following list. These are purchased people, essentially,
    with no real ties back or persona. Free Stuff and discounts always attract people,
    who would not want to get free products and discounts by just moving your mouse to a Like button
    and click it. You can simply sign on once a week, schedule
    tweets, and respond to anyone who may have connected with you.

  214. Title…

    […]that could be the finish of this post. Right here you will locate some web pages that we think you’ll enjoy, just click the links over[…]…

  215. Title…

    […]we prefer to honor many other world wide web websites on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Beneath are some webpages really worth checking out[…]…

  216. Title…

    […]we prefer to honor several other world wide web sites around the net, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Underneath are some webpages worth checking out[…]…

  217. To eliminate the mud, dirt, tree sap, and grease from car exteriors, you may have to use harsh chemicals and scrub for hours.
    Very soon I found out that even though I knew a lot, I needed to learn
    a lot more about auto detailing and how its done.
    These include cleaning engines, cleaning the exteriors, and melting snow and ice.

    The two things he probably did differently to have an edge
    over his competitors was to work 25% faster, and get more
    than half of his customers from the Internet. You could open your curtains
    during daytime to gather light and heat, and then close them at night to prevent heat loss.

  218. <