Crea sito

VITA SECONDO LO SPIRITO

VITA SECONDO LO SPIRITO


E’  una nuova rubrica che punta a soddisfare le esigenze del cuore.
E’ possibile condurre una vita molto sana, riccad’emozioni e “ragionevole” senza essere  persone spirituali: cioè senza aver colto il significato e lo scopo dell’esistenza umana.
La vita secondo lo Spirito, riguarda il cuore dell’esistenza umana. Nulla di sentimentale nella parola cuore ma
  • un “luogo” in cui siamo più noi stessi,
  • siamo più umani,
  • siamo più veri.

Se uno  mi chiedesse a bruciapelo il significato del vivere spirituale, risponderei: “Vivere con al centro Gesù”.

Una maesra spirituale è certamente Chiara Lubic, dalla quale ci facciamo guidare:

  • «Camminate secondo lo Spirito (…). Se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge» Siete stati chiamati a libertà” (1). È l’annuncio che Paolo di Tarso rivolge ai cristiani delle diverse comunità della Galazia. Un annuncio che fa eco alle parole di Gesù quando aveva detto che ci avrebbe resi “liberi davvero” (2).     Liberi da cosa? I cristiani della Galazia erano stati resi liberi dalle prescrizioni legali della legge mosaica, libertà poi estesa a tutti i cristiani. Più ancora, siamo stati liberati dal peccato e dalle sue conseguenze: le nostre paure, la sfrenata ricerca dei nostri interessi, i condizionamenti culturali, le convenzioni sociali… Per questo siamo liberi quando osserviamo le norme di condotta sociale e religiosa del cristianesimo, non le sentiamo come obblighi imposti dall’esterno.
  • Per noi c’è una legge nuova, la “legge di Cristo” (3), come la chiama Paolo, iscritta nel nostro stesso cuore, che fiorisce dal di dentro, dalla persona fatta nuova dall’amore di Cristo: una “legge di libertà” (4).
  • Una legge che insieme dona la forza per essere attuata.
  • Siamo liberi perché guidati dallo Spirito di Gesù che vive in noi. Da qui l’invito:
    «Camminate secondo lo Spirito (…). Se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge» In questo periodo di Pentecoste riviviamo l’evento della discesa dello Spirito su Maria e i discepoli raccolti nel Cenacolo. Con le sue lingue di fuoco egli riversa nei cuori l’amore di Dio (5). È questa la “legge nuova”: l’amore.
  • Lo Spirito Santo è l’Amore di Dio che venendo in noi trasforma il nostro cuore, vi infonde il suo stesso amore e insegna ad agire nell’amore e per amore.
  • È l’amore che ci muove, che ci suggerisce come rispondere alle situazioni e alle scelte che siamo chiamati a compiere.
  • È l’amore che ci insegna a distinguere: questo è bene, lo faccio; questo è male, non lo faccio.
  • È l’amore che ci spinge ad agire cercando il bene dell’altro.
  • Non siamo guidati dal di fuori, ma da quel principio di vita nuova che lo Spirito ha posto dentro di noi.
  • Forze, cuore, mente, tutte le nostre capacità possono “camminare secondo lo Spirito” perché unificate dall’amore e poste a completa disposizione del progetto di Dio su di noi e sulla società.     Siamo liberi d’amare.
    «Camminate secondo lo Spirito (…). Se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge» Se vi lasciate guidare…”. C’è sempre il pericolo che qualcosa impedisca allo Spirito di prendere pieno possesso della nostra mente, del nostro cuore. Si può resistere alla sua voce e alla sua guida fino a “contristarlo” (6), perfino ad “estinguere” la sua presenza in noi (7). Tante volte preferiamo seguire i nostri desideri piuttosto che i suoi, il nostro volere piuttosto che il suo.     Come dunque lasciarsi guidare da quella voce che dentro ci parla? Dove essa ci porta? Ce lo ricorda lo stesso Paolo pochi versetti prima: tutta la legge nuova di libertà si sintetizza in un solo precetto: l’amore del prossimo. In concreto, suggerisce Paolo, essere liberi significa farsi schiavi dell’altro, mettersi a servizio gli uni degli altri (8). Quella voce dentro (= l’amore) ci spinge ad essere attenti a chi ci è accanto, ad ascoltare, a donare.     Può sembrare strano, ma ogni Parola di vita, alla fine, porta ad amare. Non è una forzatura, è la logica evangelica.     Solo se siamo nell’amore siamo cristiani autentici.
    «Camminate secondo lo Spirito (…). Se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge» Lasciamo allo Spirito la libertà di condurci sulla via dell’amore. Possiamo pregarlo così:
  • Tu sei la luce, la gioia, la bellezza.
  • Tu trascini le anime,
  • tu infiammi i cuori e fai concepire pensieri profondi e decisi di santità con impegni individuali inattesi.
  • Tu santifichi.
  • Soprattutto, Spirito Santo, tu che sei così discreto anche se impetuoso e travolgente ma soffi come lieve venticello che pochi sanno ascoltare e sentire,
  • guarda alla rozzezza della nostra grossolanità e rendici tuoi devoti.
  • Che non passi giorno senza invocarti, senza ringraziarti, senza adorarti, senza amarti, senza vivere come tuoi discepoli assidui.
    Questa grazia ti domandiamo.
    (1) Gal 5,13     (2) Gv 8,36     (3) Gal 6,2     (4) Gc 2,12     (5) Cf Rm 5,5     (6) Cf Ef 4,30     (7) 1 Ts 5,19     (8) Cf Gal 5, 13-14                   Chiara Lubich

E se ci dessimo di seguire un DECALOGO PER LA CRESCITA SPIRITUALE ?

.

E’ una semplice proposta ma concreta:
1. SANTA MESSA e’ il centro della nostra fede. E’ lo stesso sacrificio di Cristo per noi, avvenuto 2000 anni fa sulla croce e, allo stesso tempo, la celebrazione della Sua Resurrezione. Oltre alla S. Messa domenicale , cerca di fare del tuo meglio per partecipare, quando puoi, anche alla Messa feriale.
2. SACRAMENTI in particolare, la Riconciliazione e l’Eucarestia. E’ importante confessarsi almeno una volta al mese (sarebbe meglio piu’ spesso, ogni 15 giorni). Non pensare solo alla difficolta nel dire i tuoi peccati, ma pensa a tutta la grazia che il Signore ti vuole donare attraverso la Confessione.
3. MEDITAZIONE La preghiera e’ necessaria per la nostra vita spirituale, come il respiro lo e’ per la nostra vita fisica. La meditazione puo’ essere definita come l’applicazione della mente alla considerazione di qualche verita’ della nostra fede, per penetrarne maggiormente il significato, amarle e metterle in pratica con l’aiuto della Grazia. Normalmente, quando preghiamo, amiamo parlare tanto , ma difficilmente ascoltiamo. Dio ci parla principalmente attraverso la sua Parola, cioe’ la Sacra Scrittura e la Tradizione della Chiesa (magistero, scritti dei santi, dei padri della Chiesa,…) Sta a noi rifletterci un po’ ogni giorno!
4. PROPOSITO QUOTIDIANO CONCRETO La meditazione non e’ completa se non sfocia in un proposito concreto. Non basta innamorarsi della Verita’, bisogna viverla. Ogni meditazione, quindi ,dovrebbe terminare con un proposito per la giornata. L’amore non puo’ rimanere ozioso, per sua natura muove all’azione. La ragione per cui molti, pur meditando non ottengono grandi benefici per la loro vita spirituale, e’ proprio l’omissione del proposito cocreto che e’ il modo migliore per allenarci nell’acquisizione delle virtu’.
5. ESAME DI COSCIENZA QUOTIDIANO Giova molto fare una verifica della nostra giornata ogni sera. E’ un dialogo con Gesu’, basato sull’amore, non un indagine riguardo al nostro comportamento, motivato da una sorta di orgoglio umano: in questo caso, l’analisi sarebbe finalizzata al debellare gli errori per sentirsi bene. L’esame di coscienza e’ un mettersi davanti a Gesu’ per guardare con Lui la giornata trascorsa, per cercare di ricambiare al Suo immenso amore in modo sempre meno indegno. La crescita nelle virtu’ e’ motivata da un profondo desiderio di maggiore crescita in Lui.
6. DEVOZIONE ALL’EUCARESTIA Cerca ogni volta che ricevi l’Eucarestia di raccoglierti in preghiera e intimita’ con Dio. Quando ricevi l’Eucarestia durante la Messa, cerca di non fuggire immediatamente dalla Chiesa dopo la Benedizione finale, ma trattieniti in adorazione e ringraziamento per almeno 10 minuti. Questo e’ il momento di maggiore intimita’ con Gesu’, che possiamo avere qui, sulla terra. Imita Maria: sicuramente ogni volta che partecipava alla Messa aveva una particolare venerazione per il Figlio. Cerca quindi di trovare tempo, anche nell’arco della settimana o del mese, per adorare Gesu’ nel Santissimo Sacramento, conservato in ogni tabernacolo. Rimani in silenzio e ricorda, ogni volta che entri in una Chiesa, di fare la genuflessione e riconoscere che stai davanti alla presenza reale di Gesu’ Cristo.
7. DEVOZIONE A MARIA Il modo migliore per esserle devoti, e’ cercare di imitare le sue virtu’. Specialemnte se sei una donna, Maria dovrebbe essere il tuo modello di gentilezza, dolcezza, modestia nel modo di relazionarti agli altri, di parlare, di vestire… Tradizionalmente nella Chiesa il sabato e’ sempre dedicato a Maria, ricordando cosi’ la sua attesa vigilante nel Sabato Santo. Cerca in questo giorno della settimana di recitare il Rosario o di fare qualche preghiera o canto mariano che, magari, preferisci.
8. FEDELTA’ ALLA CHIESA E AL PAPA Gesu’ non ci ha lasciato un libro morto ma la sua Chiesa vivente, per guidare i nostri passi e condurci alla pienezza della verita’. Cerca allora di seguire gli insegnamenti della Chiesa, anche qualora nutrissi qualche dubbio su alcuni punti. Seguire il magistero, e’ seguire Gesu’ stesso!
9. LETTURA SPIRITUALE Nutri la tua fede leggendo ogni tanto la storia o gli scritti di qualche santo/a, oppure libri di teologia o anche il Catechismo dlla Chiesa Cattolica, qualche enciclica o documento della Chiesa,…Cerca di conoscere piu’ profondamente la tua fede. Partecipa a conferenze, ascolta cassette, compra o prendi in prestito libri che possano aiutarti in questo. Capire ti aiutera’ anche a credere con maggiore consapevolezza.
10. AMICIZIE SANTE Certamente nella nostra vita quotidiana siamo spesso circondati da persone che non credono o abbracciano altre religioni o filosofie di vita. Tuttavia per crescere nella fede non puoi soltanto pensare di ricevere; cerca anche di dare. Prova a frequentare persone, gruppi o associazioni in cui puoi trovare amici che condividono le stesse vedute e, soprattutto che desiderano amare di piu’ Gesu’ e il prossimo. Se si cresce insieme, si edifica la Chiesa insieme.

Alla COMPAGNIA DEI GLOBULI ROSSI  sta a cuore la diffusione del Regno di Dio, del quale proprio Gesù nel suo Vangelo proclama l’interiorità: “Il Regno di Dio è dentro di voi“.

Per essere in grado di comunicare agli altri un’esperienza viva della presenza di Dio e guidarli nel cammino spirituale, devi aver fatto per prima/o un lavoro di ri-conversione interiore. 

Diversamente c’è il rischio di vivere di messaggini edificanti  che sfiorano l’epidermide senza incidere nel profondo. 

Diciamo: meglio che niente! Però…

All’ AMORE però non si può rispondere solo con bigliettini. Dio sollecita vere  ed intense storie  d’amore. 

E’ per questo che osiamo dire:

Maestro e Signore

  • che sei venuto incontro all’uomo sulle strade del mondo,
  • ancora tu continui ad essere vivo e operante nella storia.
  • Nel tuo Vangelo proclamato e accolto si dilata affascinante l’eco della tua voce e si perpetua il miracolo del tuo amore.
  • Per il tuo “Andate, ecco io vi mando”, noi siamo apostoli,  chiamati a far scoprire quel Regno che dentro di noi è sorgente che zampilla per la Vita eterna.
  • Accresci in noi la docilità del cuore perché possiamo conoscere, amare e realizzare la tua Volontà su di noi. 
  • Colmaci della Sapienza del tuo Spirito,     perché sappiamo essere luce di verità per chi ricerca la tua strada.
  • Trasfigura il nostro volto ad immagine del tuo  perché chi incontra noi  possa percepire un riflesso silenzioso e rassicurante della tua Presenza.
  • Benedici e proteggi la nostra vita.
  • Te lo chiediamo per intercessione di Maria,     tua e nostra Madre.  Amen

( E’  una bozza che può essere riveduta perché diventi un piano condiviso.)

user posted image

50 Risposte a “VITA SECONDO LO SPIRITO”

  1. Websites we think you should visit

    […]although websites we backlink to below are considerably not related to ours, we feel they are actually worth a go through, so have a look[…]…

  2. many thanks for the great site! I have been
    looking for stuff prefer to this. ill be following your Feed
    so i don’t miss out the good things! once again, terrific page please retain
    this up! Please pardon me if my english is bad.

  3. Hi Asankap for 3.two volt 20mA LEDs you’ve to make use of 0.47uF
    rather than 1uF. these resistances are for surge existing
    limitting, hence require not be changed. you can use any non capacitor rated for atleast
    400volts. 1N4007 you are able to use PHILIPS ITT EC etc.

  4. Good post. I learn something new and challenging on
    sites I stumbleupon on a daily basis. It will always be exciting to
    read through content from other writers and practice
    something from other sites.

  5. The move signals that Bank Indonesia is considering approaches to
    tighten policy without lifting interest rates to cool down the
    an economy seen growing nearly 7 percent this coming year not fake what most people don’t realize is that their home could be the collateral
    where a house loan is worried.

I commenti sono chiusi.